Connettiti con noi

Calciomercato

Corvino: «Vlahovic farebbe il titolare nella Juve. Berardi fu vicinissimo alla Fiorentina»

Pubblicato

su

Pantaleo Corvino, ex dirigente della Fiorentina, ha rilasciato un’intervista a Tuttosport parlando a 360°. Le sue dichiarazioni

Intervistato da TuttosportPantaleo Corvino ha rilasciato le seguenti dichiarazioni.

VLAHOVIC – «Quando Dusan non giocava ancora con continuità nella Fiorentina, mi chiamò un cronista per domandarmi cosa ne pensassi. Cosa risposi? Vlahovic è un titolare. La qualità non ha età. Adesso potrebbe fare il centravanti sia nella Juventus sia nel Liverpool o nel Tottenham».

9 IDEALE PER LA JUVE – «Dipende anche dalle idee dell’allenatore. È una domanda più per Allegri che per me. In ogni caso parliamo di grandi attaccanti. Con Dybala serve un nove che garantisca soprattutto profondità, quindi un calciatore con le caratteristiche di Vlahovic».

RONALDO – «Aveva un senso quando è stato acquistato tre anni fa. Adesso, alla luce di tante altre considerazioni, non c’è più ragione per tenerlo. Ma la Juve sa perfettamente quello che deve fare».

ANEDDOTI – «Berardi, nella mia ultima stagione alla Fiorentina, è stato a un passo. Lo straniero? Alexander Isak, il 21enne attaccante della Svezia, da giovanissimo lo portai a Bologna in prova per alcuni giorni. Sono certo che diventerà un big».

MILENKOVIC E VLAHOVIC – «Chi sta stupendo di più dei due? «Nessuno, li considero due conferme. E vi spiego perché. Per Milenkovic, a gennaio dell’ultima mia stagione alla Fiorentina, i Della Valle, e lo dico senza paura di poter essere smentito, rifiutarono 40 milioni di euro più bonus dal Manchester United. Per Vlahovic, invece, spaventai il mio club quando nel 2017, per un ragazzo del 2000 extracomunitario e non ancora tesserabile, pagai anticipatamente 1,5 milioni al Partizan per chiudere subito la trattativa e strapparlo alla futura concorrenza. Per trovare l’accordo con il giocatore, e farlo firmare, dovetti aggiungere il primo dei cinque anni di contratto a quello successivo, quando arrivò fisicamente a Firenze. Lo ammetto, dopo la firma ero spaventato. Sono convinto che se ne accorse pure il padre di Vlahovic, il quale mi disse: “Direttore, sono sicuro che stai portando a Firenze il nuovo Batistuta”. Rivolgendomi anche alla madre, risposi: “Beh, io ero convinto, invece, di aver portato un nuovo Luca Toni”. Ci fu una risata generale. Eravamo in una stanza d’albergo, lo ricordo come se fosse oggi».

TECNICO RIVELAZIONE – «Due anni fa, in una intervista, risposi alla stessa domanda citando un nome che suscitava molte perplessità perché in quel momento stava lottando per evitare i playout in Serie B, con il Venezia. Era Alessio Dionisi, che l’anno precedente avrei voluto portare nella Primavera della Fiorentina dall’Imolese. Confermo lo stesso nome. Dionisi, dopo aver vinto il campionato di B con l’Empoli, può essere la rivelazione alla guida del Sassuolo. E sicuramente si ripeterà anche Semplici a Cagliari».

MIGLIOR ACQUISTO – «In entrata Luca Toni, diventato Scarpa d’Oro a Firenze: un grandissimo orgoglio. Non ricordatelo troppo, però, perché ancora adesso fa arrabbiare il mio amico Rino Foschi (risata). La migliore cessione? Se avessi chiuso Chiesa già nel 2019 alla Juventus, avrei portato alla Fiorentina più di 100 milioni grazie a tre cessioni ai bianconeri: 25 per Felipe Melo, 40 per Bernardeschi e poi Chiesa».

Advertisement