Connettiti con noi

Cagliari News

Dessena: «Il Cagliari è casa mia. Un sogno? Lo scudetto»

Pubblicato

su

L’ex centrocampista e capitano del Cagliari Daniele Dessena ha parlato del suo amore per i rossoblù. Ecco le sue parole

Sulle pagine dell’Unione Sarda un ex rossoblù, Daniele Dessena, rilascia una bella intervista riguardo il suo amore per il Cagliari.

CAGLIARI – «Il Cagliari è il mio pensiero quotidiano. Sono il primo tifoso, è casa mia: ci sono gli amici, la mia gente, le persone a cui voglio bene»

ULTIMA STAGIONE – «L’ho vissuta con rabbia. Si può dire tutto, tranne che il presidente non abbia fatto una squadra all’altezza. Conosco la piazza, ogni anno si punta a quel decimo posto. Ma prima di tutto conta la salvezza, poi se arriva qualcosa di più tanto di guadagnato»

COMPAGNI – «Nel periodo peggiore sentivo Ceppitelli, Cerri, altri compagni, persone che per il Cagliari danno l’anima. Erano demoralizzati per i risultati che non arrivavano, stavano male e io stavo male con loro. A Cagliari mi sono state insegnate tante cose, prima di tutto il rispetto per la maglia che si indossa. Io quella rossoblù l’ho sempre onorata al massimo, in allenamento e in partita. E a Brescia ho seguito l’insegnamento di Conti, Cossu, Agostini, Lopez e Pisano»

SOGNO – «Spero che i rossobù vincano lo scudetto. Se dovesse accadere o comunque arrivasse un bel risultato, sarei il primo a correre in piazza Yenne e mettere la bandiera rossoblù alla statua di Carlo Felice. Se i tifosi mi daranno il permesso. Io sono uno di loro, ma loro amano il Cagliari da prima di me. Se loro vorranno, quel giorno io sarò con loro. Perché Cagliari per me è ancora tutto»