Fassone dopo il derby: «Non siamo ancora squadra. Brutto non andare in Champions»

© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Marco Fassone, amministratore delegato del Milan, al termine della sconfitta nel derby contro l’Inter. Le sue dichiarazioni

Vincenzo Montella rischia l’esonero? Marco Fassone, ad del Milan, ha parlato a “Sky Sport” confermando la fiducia all’allenatore nonostante la sconfitta contro l’Inter. Ecco le sue dichiarazioni: «Fa male perdere il derby, fa male la classifica forse fa più male perdere una partita in cui nel secondo tempo abbiamo giocato meglio, abbiamo cercato di costruire, abbiamo preso il gol del 2-1 nel nostro miglior momento e poi il gol su rigore al 90′: direi che il mix di tutte queste cose fa molto male. Le ultime due partite le abbiamo perse ma lasciano intravedere delle cose. Non siamo ancora una squadra ma tutte queste partite fanno vedere che diventeremo presto una squadra e il secondo tempo lo dobbiamo usare da sprone per ripartire. Montella? Fate bene a fare la domanda. C’e estrema fiducia in Montella, da parte mia e da parte di Mirabelli. Sa insegnare e sa fare calcio. Abbiamo perso 3 partite ma il mister sa come porre rimedio e i risultati arriveranno».

Prosegue Fassone: «Cosa possiamo fare? La società deve rispettare il suo ruolo. Io ho fatto delle scelte e vengo aggiornato dalle persone scelte su quello che succede e io aggiorno il presidente. Noi dobbiamo dare la massima protezione possibile al mister e noi cerchiamo di fare questo tutti insieme. Un problema non andare in Champions? L’obiettivo è quello. Siamo al 20% del campionato, c’è ancora l’80%. Avevamo la consapevolezza che per noi sarebbe stato difficile entrare in media-punti per andare in Champions. Oggi siamo decimi perché abbiamo un punto e mezzo di media a partita. C’è tempo perché sarebbe brutto e sgradevole perché vorrebbe dire rimandare di un anno i nostri progetti ma aspetterei aprile-maggio. Eravamo forse un po’ ottimisti ma siamo sicuri che i risultati arriveranno. Bonucci? E’ un guerriero che vuole le responsabilità! Noi abbiamo cercato di fare un gruppo all’interno del quale ci fosse un mix di età ed esperienze diverse. Abbiamo chiuso la campagna con Bonucci, Biglia e Kalinic, tre dei più esperti. A Leo fanno bene le responsabilità, è un campione e basta poco e rivedremo il vero Leo».

Queste invece le parole di Marco Fassone a “Rai Sport“: «Icardi ha fatto la differenza: è un campione, ha trasformato in oro due palloni difficili: è un giocatore fuori categoria. Milan a 12 punti dalla prima. Si riparte da Montella? Non ci aspettavamo questi distacchi, le prime stanno andando a ritmi inusuali: ci aspettavamo di avere qualche punto in più e di non perdere quattro partite su otto. Ci vuole tempo, ma il secondo tempo di stasera è incoraggiante. I derby sono partite a se, abbiamo visto un primo e secondo tempo distinti l’uno dall’altro. Dobbiamo cogliere dei segnali dal derby e dalle partite precedenti. Noi vediamo, gara dopo gara, che il lavoro di Montella sta iniziando a generare qualcosa. Gli obiettivi non cambiano».