Gattuso sul mercato: «Non è semplice. Leggo sempre che rischio il posto»

Gattuso sul mercato: «Non è semplice. Leggo sempre che rischio il posto»
© foto www.imagephotoagency.it

Rino Gattuso, allenatore del Milan, ha parlato in conferenza stampa alla viglia del secondo match di International Champions Cup

La sfida tra Tottenham e Milan che si giocherà nella notte italiana (ore 2.30, diretta su Sky) servirà a Rino Gattuso per capire a che punto è il suo Milan. Il tecnico è intervenuto in conferenza stampa per parlare del momento della squadra e non solo: «Le gambe sono appesantite ma stiamo lavorando bene. Voglio ringraziare tutti per le strutture che ci hanno messo a disposizione. Mi aspetto una partita molto tosta per domani, anche se mancheranno molti dei ragazzi che han fatto i mondiali. Il Tottenham è una grande realtà del calcio inglese e noi dovremo stare attenti. Sicuramente farò dei cambi dopo il Manchester però voglio dare continuità al lavoro, far rivedere quello che abbiamo fatto con lo United e crescere di qualità. Per noi deve essere un orgoglio affrontare queste squadre».

Procede Rino Gattuso parlando anche del suo futuro: «Io sono molto contento e soddisfatto. Dopo questa partita avremo ancora due blocchi di lavoro, cercando velocità e intensità. Stiamo lavorando tanto e bene sul campo. I ragazzi stanno dimostrando grande serietà. La critica di Mourinho alla competizione? E’ vero che mancano i big ma ci sono anche aspetti positivi perché permetti ai giovani di giocare ad alti livelli. A me dispiace di non aver fatto ancora giocare i nostri ragazzini come Tsadjout, Brescianini, Capanni e tutti gli altri. Mercato? Siamo lontani dall’Italia ma i ragazzi sono sempre con il telefono in mano, parlano con i procuratore. Anche quando giocavo io era così. Siamo così ma il mercato finché non si chiude se ne parlerà sempre e porta un po’ di malumore. Chi fa l’attaccante sente che arriva un altro attaccante, ma anche io leggo tutti i giorni che rischio il posto: la tranquillità deve dartela la voglia di lavorare e la professionalità».