Genoa, Preziosi: “Mi piacerebbe raggiungere quota 51”

© foto www.imagephotoagency.it

“Sono contento dell’impegno. Come avete visto il Brescia è partito bene e noi all’inizio siamo stati un po’ sorpresi. Poi il nostro tasso tecnico, diverso, è emerso e c’è stata anche la grinta giusta, quella che voglio sempre vedere sino alla fine”. Il ritorno alla vittoria ha riportato il sorriso sul volto di Enrico Preziosi, che al termine della partita contro i lombardi ha aggiunto: “Io vorrei che questa squadra se la giocasse sino alla fine, anche perchè in ballo ci saranno posizioni importanti a livello economico e a livello di parametri per il futuro. Dirò alla squadra di non mollare altrimenti invece che sino al 22 maggio resteranno con noi sino al 15 giugno. Obiettivo? Mi piacerebbe raggiungere quota 51 come l’anno scorso, considerando anche che avremo tre gare in casa. Il mercato? Abbiamo bisogno di qualcosa, la difesa è ottima ma dobbiamo pensare a qualcuno che cresca dietro di loro e poi qualcosa a centrocampo. In attacco con Ze Eduardo dovremo essere a posto”.
Sui fischi riservati dal pubblico rossoblu all’allenatore ospite, il patron del Genoa ha chiuso: “Il tecnico del Brescia Iachini? Gli ho tolto il saluto e la parola sei anni fa, per me non esiste come persona, mi ricorda cose non belle”. Queste le dichiarazioni di Enrico Preziosi, patron del Genoa, rilasciate a Cittadigenova.com.