Higuain: «Vogliamo Champions e sesto Scudetto: possiamo farcela»

moviola
© foto www.imagephotoagency.it

Gonzalo Higuain, attaccante della Juventus, ha rilasciato un’intervista a David Trezeguet. Tante le confessioni del centravanti argentino

Intervista sotto l’albero di Natale per Gonzalo Higuain. Il centravanti della Juventus ha parlato a “Premium Sport” nel corso della nuova trasmissione condotta da…David Trezeguet! Da un bomber all’altro. Queste le parole del Pipita: «Ho avuto una famiglia molto calcistica. Mio padre e mio fratello hanno sempre giocato e il mio sogno è sempre stato quello di fare il calciatore. Ho fatto tanto ma spero di continuare a migliorare. La gioia che sento quando faccio gol è immensa. Mi chiedono se dopo una rete urlo così tanto per scaricare la rabbia ma in realtà se osservate i miei gol urlo sempre allo stesso modo, sentire uno stadio intero che urla il tuo nome è qualcosa di magnifico. Miei modelli? Guardavo il calcio italiano dove c’erano i vari Trezeguet, Batistuta, Crespo e Montella ma il migliore di tutti i tempi per me è stato Ronaldo».

LE PAROLE DI GONZALO HIGUAIN – Prosegue il centravanti della Juventus: «Suarez è migliorato tantissimo rispetto al Liverpool ed è in un grande momento. Lewandowski e Aguero sono molto forti. Onestamente però a me piace di più un giocatore che mi fa divertire, rispetto a uno che fa gol. Dybala e Messi? Leo è il migliore ma Paulo è ancora giovane: i due si somigliano tanto. Paulo ha tutto per diventare un top player ma dipende solo da lui: dovrà avere una grande forza mentale. Real Madrid? Sono arrivato a 18 anni e avevo grandi compagni come van Nistelrooy, Roberto Carlos e Raul. Quest’ultimo era già una leggenda e mi ha colpito moltissimo perché mi ha aiutato e mi ha dato la possibilità di essere il suo erede. La vittoria più importante in carriera? La vittoria della Liga a Madrid, con Capello in panchina. Io arrivai a gennaio, eravamo a 14 punti dal Barcellona, non stavamo giocando benissimo ma arrivò il momento che agganciammo il Barca e lì abbiamo capito che avremmo vinto il campionato. I 36 gol in campionato? I record fanno piacere ma preferisco vincere qualcosa con la squadra come la Champions. La sensazione che abbiamo è che possiamo farcela. Ma io sono venuto qui anche per vincere il sesto Scudetto perché la gente si ricorda sempre dell’ultimo trionfo: chi ti ha fatto vincere i primi cinque resterà importante ma sarà più importante chi ti fa vincere il sesto».

LE PAROLE DI HIGUAIN SUL MONDO JUVENTUS – Ancora il Pipita: «Critiche al gioco? Si vuole tutto e subito ma bisogna avere pazienza perché sono arrivati tanti giocatori nuovi e ci stiamo adattando. Poi sicuramente possiamo migliorare ma stiamo vincendo: dobbiamo migliorare ma di poco. Il difensore più forte mai affrontato? Puyol, era insopportabile. Il portiere? Ho giocato con Casillas, Reina e Buffon. Quando giocavo contro Buffon era una doppia sfida perché riuscire fare un gol a uno come lui era una cosa straordinaria».