Connettiti con noi

Genoa News

I tifosi del Genoa attaccano Preziosi: «Con quali soldi hai saldato i debiti?» – VIDEO

Pubblicato

su

maglie genoa

Attacco dei tifosi del Genoa al presidente Preziosi. Spunta un vecchio video in cui i tifosi chiedono al numero 1 di spiegare alcuni suoi movimenti con la sua azienda, la “Giochi Preziosi”

«Martedì 9 agosto 2016, ore 21. Incontro con la tifoseria presso i Magazzini del Cotone, Porto Antico Genova. Enrico Preziosi racconta». Inizia così il video fatto circolare, presumibilmente, da alcuni tifosi del Genoa in aperta contestazione con il presidente del club rossoblù. Dopo il battibecco a distanza con la contestazione allo stadio e le parole del presidente, arriva anche un attacco ‘personale’ sul web nei confronti del numero uno del Grifone. Il video ha il chiaro intento di chiedere dei lumi al presidente sul salvataggio della sua azienda, la Giochi Preziosi, vicina al fallimento nel 2012 con debiti di circa 450 milioni di euro. «Con quali soldi ha saldato i debiti delle sue aziende?» chiedono i tifosi rossoblù. Queste le parole di Preziosi all’incontro con i tifosi e contenute nel video di “Repubblica“: «Nel 2011 avevamo venduto la mia azienda ricavando centinaia e centinaia di milioni ma i nostri partners, ovvero Banca Intesa, Unicredit e Fondo Clessidra, si erano rifiutati di cedere a una cifra importante. L’anno dopo la società era vicina al fallimento ma abbiamo messo a disposizione dell’azienda tutte le nostre risorse per non licenziare 4-5 mila persone e per salvarla abbiamo messo a a garanzia delle banche tutto quello che avevamo guadagnato in questi anni. Avevamo 450 milioni di debiti e c’erano 13 banche che volevano farci fallire ma li ho costretti a firmare un accordo e dopo 3 anni non avevamo più debiti».

Advertisement

News

Copyright 2021 © riproduzione riservata Calcio News 24 -Registro Stampa Tribunale di Torino n. 47 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - P.I.11028660014 - Editore e proprietario: Sport Review s.r.l.