Immobile dopo il Nizza: «Higuain è stato pagato 90 milioni, io…»

© foto www.imagephotoagency.it

L’attaccante della Lazio ha parlato dopo la vittoria del club biancoceleste in casa del Nizza. Ecco le parole di Ciro Immobile

E’ un momento magico per Ciro Immobile e per la Lazio. L’attaccante è entrato in campo sul risultato di 1-1 nel match tra Nizza e Lazio e i biancocelesti, ‘magicamente’, hanno ribaltato lo svantaggio iniziale, vincendo per 1-3 all’Allianz Riviera. Queste le parole dell’attaccante a “Sky Sport“: «Caicedo è un giocatore intelligente. Si impegna e dà sempre il massimo. Ha segnato in Europa League può farlo anche in campionato. Non abbiamo approcciato nella maniera migliore al match ma siamo stati bravi a rimetterla subito in piedi e poi abbiamo fatto un’ottima gara anche a livello mentale. A livello tecnico avevamo fatto tutto bene con la Juventus, il prossimo step era quello mentale».

Prosegue l’attaccante: «Balotelli? Mi ha chiesto soltanto come andava in Nazionale – riporta anche ‘lazionews24.com’ – e che faceva tifo per noi. Abbiamo parlato di come andava la vita qui, non abbiamo parlato di cose particolari. Gli ho fatto i complimenti per il bimbo, e lui per le mie. Questa una fase cruciale per la mia carriera? Higuain aveva 28 anni quando è stato pagato 90 milioni. Non mi sto paragonando a lui ma si può sempre migliorare. Per me la Lazio è stata un’occasione troppo ghiotta per lasciarmela scappare. Qui gli attaccanti sono facilitati. Sono stato bravo a crederci sempre. Nani? Ancora non lo conosco bene ma ha grandi numeri. Luis Alberto? Non c’era dal punto di vista mentale, ora sta facendo grandi cose. Felipe Anderson? Dispiace per l’infortunio perché nel precampionato stavamo facendo grandi cose insieme. Se è vero che chiamiamo mister Inzaghi almanacco? No, però è davvero preciso come un almanacco».