Connettiti con noi

Hanno Detto

Inter, Adani: «In attacco prenderei Muriel. Ecco cosa mi ha colpito del successo di ieri»

Pubblicato

su

adani

Daniele Adani, ex difensore dell’Inter, ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport della situazione nerazzurra: le parole

Nell’intervista concessa alla Gazzetta dello Sport, Daniele Adani ha fatto il punto sull’Inter:

VITTORIA SUL GENOA – «Passare in vantaggio in avvio avrà anche aiutato, ma mi ha colpito la voglia di riconquistare subito il pallone perso e di giocare in avanti sulle seconde palle. Te lo puoi permettere quando stai molto bene fisicamente. Poi ho visto anche un’Inter fluida e creativa nel gioco, facilitata dall’impostazione dei tre centrali dietro, il punto di forza che non è cambiato da Inzaghi a Conte».

ESEMPIO CONTE-ALLEGRI – «Vero, Antonio crea degli automatismi nella difesa a tre che
non si perdono. Anche in impostazione, nella proposta: Inzaghi è sempre stato più morbido alla Lazio, ma l’Inter si muove a memoria, ha i codici di Conte in testa. Soprattutto quando viene coinvolto Handanovic nel gioco palla a terra: guardate la disposizione dei centrali e di Brozovic, uguale allo scorso anno».


ASSENZA LAUTARO NON PESANTE –
«E qui bisogna dire bravo a Sensi. Magari ha sbagliato qualche
tocco, ma è stato fondamentale nel lavoro di collante tra centrocampo e attacco, sia in ampiezza che tra le linee».


RINFORZO IN ATTACCO –
«Leggo di Thuram e Correa, io andrei su Muriel. Ma anche i primi due hanno un senso: il francese perché è un attaccante di “tutte cose”, fa il centravanti o l’appoggio a uno come Dzeko; il secondo perché ha i colpi»