La Roma si riunisce a Boston: Baldissoni e Monchi volano da Pallotta

© foto www.imagephotoagency.it

Gli stati generali della Roma programmeranno nei prossimi giorni il futuro del club negli Stati Uniti: tema caldo sarà quello dello stadio di proprietà, il cui iter è attualmente bloccato.

Summit societario negli Stati Uniti per la Roma, che approfitta della pausa della Serie A per le Nazionali per radunarsi in quel di Boston assieme al presidente James Pallotta, discutere delle future strategie societarie e programmare il futuro del club capitolino. Oggi il primo a raggiungere la capitale del Massachusetts è stato il Direttore generale Mauro Baldissoni, che è volato da solo negli States. Il management giallorosso sarà poi al completo all’inizio della prossima settimana, quando anche il D.s. Monchi si recherà dall’altra parte dell’oceano e con lui anche il nuovo responsabile del settore marketing Francesco Calvo (chief revenue officer) e il direttore strategie e media Guido Fienga (chief operating officer).

Gli stati generali giallorossi parteciperanno a una serie di importanti meeting. Fra i temi più importanti di cui si discuterà c’è senza dubbio quello dello stadio di proprietà, visto come fondamentale per la crescita della società capitolina, ma il cui iter è attualmente bloccato dopo l’arresto del costruttore Luca Parnasi. Sul fronte calciomercato, il presidente e i suoi dirigenti definiranno anche il budget per il mercato di gennaio, e parleranno di rinnovi e adeguamenti contrattuali di calciatori come Dzeko, Under, Kolarov, Manolas ed El Shaarawy. Il numero uno giallorosso vorrà inoltre sentire dai suoi collaboratori quali possono essere state le cause di una partenza a rilento della squadra.

Il rientro dei dirigenti nella capitale è previsto per metà della prossima settimana, prima dell’impegno di campionato che opporrà la squadra di Di Francesco alla SPAL nel primo anticipo della 9ª giornata di Serie A, sabato pomeriggio alle 15. La Roma è attualmente al 5° posto in classifica a quota 14 punti a pari merito con la Sampdoria, e in Champions League occupa il 3° posto per differenza reti nel Gruppo G dietro CSKA Mosca e Real Madrid.

ROMA, IN 9 PARTITE SU 10 SPETTACOLO AI TITOLI DI CODA