Juve, Pirlo e Buffon in società? Marotta non chiude: «Spetta ad Agnelli»

marotta ronaldo
© foto www.imagephotoagency.it

Andrea Pirlo e Gianluigi Buffon avranno anche un futuro dirigenziale con la Juventus? Le parole di Marotta che cita l’esempio di Pavel Nedved

Sulla scia di Pavel Nedved, da calciatore a consigliere e poi vicepresidente della Juventus, ci sono altri calciatori bianconeri del presente o del passato pronti a fare il grande salto? Una domanda che è stata posta anche all’amministratore delegato e direttore generale della Vecchia Signora, Giuseppe Marotta, nell’intervista-fiume rilasciata al Giornale di cui vi abbiamo già riportato diversi estratti. Ed è impossibile, di questi tempi, non pensare immediatamente agli ex campioni del Mondo come Andrea Pirlo e Gianluigi Buffon. Il primo ha dato ufficialmente l’addio al calcio giocato poco meno di una settimana fa a 38 anni, mentre per l’attuale capitano della Nazionale e dei bianconeri, Buffon, il momento dovrebbe arrivare al termine di questa stagione.

I nomi di Andrea Pirlo, Gianluigi Buffon e altre leggende del passato bianconere, tra cui naturalmente resta sempre la figura di Alessandro Del Piero, o del presente, come Giorgio Chiellini, potrebbero avere un seguito alla Juventus anche dall’altra parte della scrivania. E sull’argomento Marotta si è espresso con queste parole: «Se la Juventus ha in mente un ruolo in futuro per Pirlo e Buffon? Per me uno è campione quando saluta una società e lascia qualcosa in positivo, da cui imparare. Loro lo hanno fatto. Poi spetta al presidente decidere. Juve ingrata con i propri ex calciatori? No, questo no. Il calcio è fenomeno sportivo ma anche di business, servono competenze importanti. Siamo passati da associazioni sportive, date in gestione per riconoscenza anche ad ex giocatori, ad aziende. Poi ritengo che ogni società debba avere ex campioni che riescano a trasmettere un messaggio vincente. Noi abbiamo Pavel Nedved vicepresidente».