Napoli, Mazzarri:”Contento per i tifosi. Vi spiego il mio gesto…”

© foto www.imagephotoagency.it

Il Napoli ieri sera è entrato nella storia, battendo il Villareal e staccando il pass per gli ottavi di Champions League. Il girone che vedeva in ballo gli azzurri aveva un altro coefficiente di difficoltà  data la presenza di squadre come il Bayern Monaco ed il City. Tuttavia i ragazzi allenati da Walter Mazzarri hanno compiuto una vera e propria impresa, ottenendo 4 punti nei due incontri con il City, punti, agigunti agli altri ottenuti negli scontri con il Bayern ed il Villareal, che sono stati decisivi ad eliminare il club inglese e aggiudicarsi il passaggio alla fase finale. L’allenatore dei partenopei, ieri sera, non aveva rilasciato alcuna intervista nel post-partita, ma ecco le sue dichiarazioni rilasciate in collegamentoÃ? da casa suaÃ? con SkySport24 il giorno dopo la notte di gloria dei napoletani: “Io penso sempre alla partita successiva. Sono contento di aver dato una gioia così grande ai miei tifosi, ma il nostro pensiero è sempre alla partita successiva.Ã?  Paura ieri sera? Si, ho visto il Villareal abbastanza carico e motivano e noi eravamo in tensione, i ragazzi sentivano tantissimo questa partita. Tra primo e secondo tempo ho cercato di dare degli input ai ragazzi caricandoli per il secondo tempo. Cosa ho detto? Noi allenatori cerchiamo sempre di vincere, in quel momento dovevamo giocare come abbiamo sempre fatto, senza pensare all’importanza della gara. La spinta a Nilmar? E’ stato un input importante per i ragazzi, volevo stimolarli ancora di più per i minuti finali. Gesto alla Mourinho? No, lui è un grande allenatore, lo stimo molto perchè lui vuol vincere ma era un momento diverso della partita. Tra me e i tifosi si è instaurato un grande feeling, ma anche i miei giocatori mi capiscono subito, hanno capito il mio gesto, quello spintone era una spinta verso di loro, verso il nostro gioco. Il mio silenzio nel post gara? Sapete come la penso, l’allenatore quando le cose vanno male deve metterci la faccia, ma ieri la scena era per i calciatori, non per me. Sono andati loro in campo ed erano loro a dover parlare non io. Adesso c’è la sfida contro il Novara e non sarà  facile perchè dobbiamo smaltire le scorie della Champions. Certo spero che questo passaggio possa essere importante anche per il campionato, dandoci altre energie ma è anche vero che abbiamo impegni troppo ravvicinati. Abbiamo perso già  qualche punto in campionto e, spero di no, ma ne perderemo altri. L’anno scorso abbiamo fatto 7 punti in Europa League, quest’anno ne abbiamo fatti 11 in Champions in quel girone abbastanza complicato. Mercato? Intanto dobbiamo vedere adesso la squadra come reagisce a questo passaggio, dobbiamo valutare tutte le situazioni possibili. Adesso vedremo durante la pausa ma mi sembra giusto dover smaltire la rosa. Cercheremo di fare bene in questo trittico che segue e poi vedremo. Chi incontrare agli ottavi? Pensiamo al Novara, io non so come caricare i miei ragazzi in vista di questa partita. Poi vedremo tutte le possibili combinazioni ma sono convinto che possiamo mettere in difficoltà  chiunque”.

Poi ecco una sorpresa, in collegamento subentra Paolo Bonolis: “Complimenti mister per la qualificazione, siete grandi“, ecco la risposta del mister: “Grazie Paolo“.