Raiola: «Ibrahimovic-Inter? Accordo da gennaio, Moratti lo avrebbe pagato 90 milioni»

ibrahimovic juve
© foto www.imagephotoagency.it

Il noto procuratore ha svelato un clamoroso retroscena su Zlatan Ibrahimovic. Ecco le parole di Mino Raiola su Ibra, l’Inter e la Juventus

Zlatan Ibrahimovic è uno degli assistiti di Mino Raiola. Il noto procuratore gestisce gli interessi dello svedese e fu proprio lui a portare, nel 2004/2005 l’attaccante dall’Ajax alla Juventus. Il giocatore lasciò i bianconeri dopo due anni, a causa dello scandalo Calciopoli, andando all’Inter ma Raiola, intervistato dal “Corriere dello Sport“, ha svelato un clamoroso retroscena: Ibra sarebbe andato comunque all’Inter, anche senza Calciopoli: l’accordo tra l’agente e Moratti, allora presidente interista, era già stato trovato a gennaio e se Ibra fosse partito in quel gennaio, l’Inter avrebbe speso 90 milioni per strapparlo alla Juventus. Così l’agente: «Non è vero che Ibra fu ceduto dalla Juve all’Inter a causa di Calciopoli, nell’estate del 2006. L’accordo con l’Inter venne raggiunto sei mesi prima. L’antefatto? Due novembre 2005, Champions League, Juve-Bayern 2-1, Ibra espulso all’89’ per doppia ammonizione. Moggi va su tutte le furie. E nello spogliatoio esplode con me: ‘Dì a Ibrahimovic che il prolungamento del contratto può anche ficcarselo nel…’. Ti lascio immaginare la reazione di Zlatan. Se fosse stato ceduto in gennaio, l’Inter l‘avrebbe pagato 90 milioni di euro. Poi scoppiò Calciopoli e a Moratti costò 20 milioni».