Rifinanziamento debito Milan: no di Goldman Sachs e Merryl Linch, resta solo Highbridge

© foto www.imagephotoagency.it

Trattativa per il rifinanziamento debito Milan. Si parla con Highbridge: gli ultimissimi aggiornamenti. Ecco come stanno le cose

Il Milan cerca nuovi soci? E’ questa la clamorosa bomba sganciata da “Repubblica“. Sempre secondo il quotidiano i rossoneri lavorano per il rifinanziamento del debito e hanno avviato i contatti con il Fondo Highbridge. I rossoneri devono restituire, entro ottobre 2018, 383 milioni di euro, interessi compressi, al Fondo Elliott. Goldman Sachs ha detto no e Merrill Lynch si è detta disponibile a rifinanziare il debito del club, non quello sella Rossoneri Lux di Yonghong Lì. Rifinanziamento debito Milan: si tratta con Highbridge.

E’ stata avviata, grazie al lavoro di Bgb Weston, advisor londinese con cui è stato siglato un accordo di 8 settimane (alla parte immobiliare collabora Antonio Giraudo, ex dirigente della Juventus), una trattativa con il fondo USA Highbridge: si parla di un nuovo prestito a 3 anni da circa 400 milioni di euro. Le trattative proseguono: il nuovo fondo rimpiazzerebbe Elliott e darebbe respiro al Milan e a Yonghong Lì.