Roma a caccia di continuità ma attenzione all’effetto Champions

di francesco roma
© foto www.imagephotoagency.it

La Roma si rituffa in campionato e si prepara ad affrontare l’insidiosa trasferta di Crotone

Per la Roma non c’è tempo di adagiarsi sugli allori. Gli uomini di Eusebio Di Francesco sono tornati oggi a lavoro per preparare la sfida di campionato contro il Crotone (domenica, ore 15.00 all’Ezio Scida). Da accantonare subito la sbornia europea contro lo Shakhtar, c’è un posto in Champions da mantenere se si vorranno vivere anche l’anno prossimo nottate come quella di martedì. I calabresi sono avversario ostico visto che sono in piena lotta per non retrocedere e visto anche il 4-1 con cui la settimana scorsa hanno schiantato la Sampdoria di Marco Giampaolo.

EFFETTO EUROPA – Non è da sottovalutare poi l’effetto Europa. La Champions League è foriera di tante gioie ma è una competizione che prosciuga energie fisiche e mentali. Lo sa bene la Roma che però, a dir la verità, nella prima parte di stagione sembrava aver trovato l’equilibrio giusto per restare competitiva su entrambi i fronti come dimostrano le vittorie arrivate contro Verona (3-0), Torino (1-0), Milan (2-0) e Fiorentina (4-2), ottenute dopo le sfide contro Atletico Madrid, Qarabag e il doppio confronto con il Chelsea. Risultati figli anche del turnover scientifico messo in atto da Di Francesco che in quella fase ha dato i suoi frutti.

Quando però la coperta della Roma si è dimostrata troppo corta, tra infortuni e giocati che hanno reso al di sotto delle aspettative, ecco che l’impegno europeo ha zavorrato il cammino in campionato dei giallorossi. Dopo le partite di ritorno contro Atletico Madrid e Qarabag sono arrivati i deludenti pareggi contro Genoa (1-1) e Chievo (0-0). Ancora peggio è andata dopo la prima gara degli ottavi contro lo Shakhtar. Con la sconfitta in Ucraina è arrivata anche quella in campionato contro il Milan (2-0).

CONTINUITÀ – Dalle ceneri di quel ko casalingo però, Di Francesco ha saputo ricompattare il gruppo. Conto il Napoli è stata la gara della svolta, con il Torino quella della conferma e con lo Shakhtar quella della consacrazione con il passaggio tra le prime otto d’Europa. Quella con il Crotone deve essere la gara della continuità, come ha sottolineato lo stesso ds Monchi oggi a Roma Radio: «Se vogliamo crescere, dobbiamo saper affrontare queste squadre con lo stesso livello di motivazione visto in Champions League. Sarebbe un segno di maturità, è la strada che vogliamo per la Roma del futuro, una squadra forte in tutte le partite”.