Fondo di Abu Dhabi per la Sampdoria, Ferrero: «Non vendo»

sabatini roma
© foto www.imagephotoagency.it

Cessione Sampdoria: il fondo di Abu Dhabi interessato all’acquisto prova a stringere, manca però la risposta affermativa o negativa di Massimo Ferrero. Intermediario della presunta trattativa l’ex d. s. della Roma Walter Sabatini

Sampdoria – Abu Dhabi: Ferrero smentisce – 4 marzo, ore 8.56

Massimo Ferrero non ha alcuna intenzione di vendere la Sampdoria. Il presidente ha parlato del fondo interessato ai doriani e ha smentito tutto seccamente. «Il fatto che tutti vogliano la Sampdoria mi lusinga perché significa che sto lavorando bene e che è un’azienda senza debiti. Sto realizzando un centro sportivo, ho fatto la casa per i ragazzi e ho riportato la Primavera a giocare a casa sua. La Sampdoria non è in vendita, è come la Sora Camilla che tutti la vogliono e nessuno la piglia. Sabatini è un grande uomo che è stato messo in mezzo in questa notizia» è quanto ha affermato Massimo Ferrero a Centro Suono Sport.

Sampdoria – Abu Dhabi: il fondo per i blucerchiati

SampdoriaAbu Dhabi: non è mica finita. Continuano, anzi si moltiplicano, le voci che vedrebbero un fondo arabo come molto più che interessato alla società presieduta da Massimo Ferrero. Per il momento solo voci, ma che prendono particolare insistenza, come riportano oggi diversi media, tra cui il Secolo XIX. La cordata di Abu Dhabi, la cui identità resta ad oggi assolutamente ignota, avrebbe chiesto a Ferrero e al suo braccio destro, l’avvocato Antonio Romei, la possibilità di visionare i conti blucerchiati. A questo punto resterebbero in piedi solo due possibilità: che Ferrero dia l’ok alla cessione, previo accordo ovviamente su una cifra di massima (il numero uno sampdoriano chiedeva 100 milioni di euro, cifra onestamente al momento difficile da raggiungere per qualsiasi acquirente) e dia dunque inizio al processo di due diligence (quello in cui appunto gli acquirenti visionano gli interi rendiconti del club) che dovrebbe durare al massimo un paio di settimane. O piuttosto che Ferrero dica di no e che tutto finisca lì. Non c’è ovviamente fretta, perché la Sampdoria resta comunque una società solida che non ha bisogno di essere venduta in tempi brevi. Tra i possibili acquirenti blucerchiati nelle scorse settimane si era ventilato il nome dell’ex direttore generale del Bologna Luca Baraldi (in rappresentanza dell’ex proprietario rossoblu Massimo Zanetti, mister Segafredo) e dell’ex dirigente dell’Udinese Franco Dal Cin (pare in rappresentanza di un gruppo italiano ignoto): solo abboccamenti però, nulla di concreto.

Sampdoria – Abu Dhabi: spunta Sabatini!

La novità di giornata è però anche e soprattutto un’altra: a mediare per il fondo di Abu Dhabi in questione ci sarebbe Walter Sabatini, ex direttore sportivo della Roma (si è dimesso ad ottobre). Sabatini è stato qualche settimana a Londra mesi fa (ha pure incontrato da quelle parti Romei, come riferito da più fonti giornalistiche) ed ora svolgerebbe la funzione di insider italiano del fondo, ovvero di colui che in pratica mette in contatto le parti in causa. Discorso ovvio e scontato: qualora davvero la cordata araba dovesse mettere le mani sulla Sampdoria, sarebbe lo stesso Sabatini il futuro direttore sportivo blucerchiato. Proprio lui che alla Sampdoria è stato molto vicino almeno sei anni fa, prima che gli arrivasse appunto la proposta della Roma (alla Sampdoria non a caso poi dirottò come d. s. il suo figlioccio Pasquale Sensibile).