Diritti tv, Tavecchio esulta: «Riacceso l’interesse sulla Serie A»

tavecchio figc italia
© foto www.imagephotoagency.it

Tra una polemica con Aurelio De Laurentiis e un occhio al futuro, Carlo Tavecchio ha parlato della cessione dei diritti tv della Serie A

Carlo Tavecchio è stato al centro delle ultime notizie per la Lega di Serie A. I diritti tv esteri sono stati un tema scottante nei giorni scorsi e continuano a esserlo, soprattutto dopo la delusione di Aurelio De Laurentiis e le parole di Urbano Cairo. Il presidente della FIGC ha preso bene la vendita dei diritti e ammette di essere più sereno dopo la reazione di molte società: «Siamo cresciuti del doppio rispetto al triennio precedente. Abbiamo riacceso l’interesse sulla Serie A». In assemblea, continua, sono rimasti diciotto presidenti a votare sui diritti e tutti hanno approvato con entusiasmo. Secondo il presidente è stata data un’immagine forte dell’Italia calcistica.

Le critiche di De Laurentiis, però, riecheggiano ancora dopo molte ore. «Non replico – afferma Tavecchio – perché mi limito a ricordare che tutto era fissato dal consiglio, l’assegnazione è stata trasparente». Ci sono state le commissioni, poi il confronto tra i vari operatori interessati, il bando è stato rispettato nei dettagli e non è stata concessa alcuna deroga, come si evince dalle dichiarazioni rilasciate a Tuttosport. Adesso la Liga e la Premier League sono ancora di più nel mirino e servirà una nuova ricetta. Tavecchio la ha già in mente: «Stadi e bilanci all’altezza per far arrivare grandi campioni. E poi smetterla di buttarci giù: le potenzialità le abbiamo ma dobbiamo recuperare il tempo perduto».