Connettiti con noi

Serie A

Torino, salvezza impossibile senza vincere in casa e il solo Belotti non basta più

Andrea Cerrato

Pubblicato

su

Il Torino non riesce più a vincere in casa: 12 partite senza tre punti e il solo Belotti non basta più ai granata

Dodici partite senza vittorie in casa. Dal 16 luglio 2020  il Torino non è più riuscito a conquistare tre punti tra le mura dello stadio “Grande Torino”. Un’eternità. La classifica riflette, ovviamente, questo disastro a tinte granata: terzultimo posto con la concreta possibilità di ritrovarsi fanalino di coda al termine della 20ª giornata di campionato.

Anche contro la Fiorentina la squadra di Nicola è stata schiacciata dalle proprie paure e dall’ansia di dover raddrizzare una stagione che ha assunto – ormai da tempo – tratti inquietanti. Contro i viola c’è stata anche l’aggravante della doppia superiorità numerica non sfruttata: le espulsioni di Castrovilli e Milenkovic sembravano che potessero spalancare le porte alla terza vittoria in campionato del Toro (la prima in casa of course) e invece Belotti e compagni si sono dovuti accontentare di un altro pareggio, il quarto delle ultime cinque partite.

Punto maturato grazie al solito Andrea Belotti, che ha interrotto un digiuno che perdurava da sette partite. Con la rete messa a segno ieri sera il capitano granata raggiunge la doppia cifra di gol con la maglia del Torino per la sesta stagione di fila. Il primato nella speciale graduatoria spetta a Pulici (sette volte dal 1972/1973 al 1978/1979). Belotti però non basta più. Quando c’è da salvare il Toro è sempre lui ad alzare la mano ma serve sicuramente qualcosa in più da parte di tutta la squadra (e della società) per salvare il salvabile in questa stagione disastrata. Chissà se l’arrivo di Sanabria non possa togliergli un po’ di lavoro sporco e regalare al Torino nuova linfa vitale.

Advertisement