Connettiti con noi

2009

Udinese, Sanchez: “Sono stato sfortunato in questa stagione”

Pubblicato

su

E’ stato uno dei protagonisti della vittoria a San Siro nel quarto di finale di Coppa Italia. Con le sue continue accelerazioni e cambi di passo ha messo in costante difficoltà  la retroguardia del Milan. Ha fallito il match point nel primo tempo, ma, da grande campione, ha saputo rifarsi nella ripresa fornendo l’assist a Inler per il gol partita. Il Nino Maravilla ha in testa un progetto ben definito: “Voglio diventare uno dei giocatori più forti al mondo, ma per riuscirci devo lavorare su tutto, soprattutto sulla fase realizzativa. Ho ancora 21 tanti e tante cose da imparare”.

Intanto l’attaccante cileno sta trovando la giusta posizione in campo: “Sto imparando a giocare nel 4-4-2 che propone Mister De Biasi, all’inizio a Bari non ci avevo capito molto, ma di partita in partita mi sto abituando al nuovo ruolo e penso di poter migliorare ancora”.

L’Udinese si prepara ad uno scontro di fuoco domenica a Catania: “Sappiamo che andiamo ad affrontare una squadra in forma che si esalta tra le mura amiche, ma mi fido ciecamente di questo gruppo. Noi andiamo sempre in campo per vincere. Le partite durano 90 minuti e la Serie A è uno dei campionati più difficili al mondo: basta un attimo di deconcentrazione per subire l’avversario”.

In questa seconda stagione in Italia a Sanchez sembra mancare solo la rete che lo possa definitivamente sbloccare: “Sono molto dispiaciuto di non aver segnato a Parma e a Milano ieri sera. Mi sono creato due belle occasioni ed è stato un peccato non averle finalizzate, meno male che mi sono rifatto con l’assist per Inler. Penso troppo al gol, così, quando mi trovo a tu per tu col portiere avversario mi vengono in mente dieci cose diverse: mi chiedo se ho commesso fallo, se il guardialinee ha alzato la bandierina, mi ricordo di un errore precedente”¦devo essere più istintivo e pensare solo a buttarla dentro. Tutti mi ripetono che il gol arriverà  e arriverà “¦ma non arriva mai (ride)”.

Fonte: udinese.it