Uruguay-Russia 3-0, Mondiali 2018: pagelle e tabellino

suarez uruguay
© foto www.imagephotoagency.it

Uruguay-Russia, gruppo A Mondiale Russia 2018: cronaca in diretta live con formazioni ufficiali, risultato, pagelle, tabellino e sintesi

È finita con il netto e sorprendente risultato di 3˗0 l’ultima sfida del Gruppo A tra Uruguay e Russia. La prima frazione, dopo un iniziale equilibrio, si è indirizzata completamente a vantaggio della Celeste, capace di annientare gli avversari, prima con il gol di Suarez e poi con lo sfortunato autogol di Cheryshev, arrivato su un tiro velleitario di Laxalt. A rendere la conduzione del match ancora più in discesa interviene Smolnikov che rimedia una doppia ammonizione fatale, tale da costringere i suoi a rimanere in dieci per l’intera durata del match. La seconda frazione può considerarsi un semplice allenamento, dal momento che gli uomini di Tabarez controllano e gestiscono senza problemi, davanti a una Russia scarica, passiva e arrendevole. Con il gol al 45’, Cavani si sblocca portando i suoi sul 3˗0 finale che vale il primo posto nel girone. Entrambe già qualificate, Russia e Uruguay dovranno ora attendere gli esiti del Gruppo B, con Portogallo e Spagna favorite, per sancire la prossima avversaria degli Ottavi

Uruguay-Russia 3-0: tabellino

Marcatori: 10′ pt, Suarez (U); 23′ pt, Cheryshev (AU); 45′ st, Cavani (U)

Uruguay (3-5-2): Muslera 6; Coates 6, Godin 6, Caceres 6.5; Nandez 6 (27′ st, Rodriguez 6.5), Vecino 6.5, Bentancur 6.5 (17′ st, De Arrascaeta 6), Torreira 6, Laxalt 6.5; L.Suarez 7, Cavani 7(49’ st, Gomez ng). CT: Tabarez

Russia (4-2-3-1): Akinfeev 5.5; Kudriashov 5, Ignashevich 6, Kutepov 4.5, Smolnikov 4; Gazinsky 5 (1′ st, Kuziaev 5.5), Zobnin 5.5; Samedov 5, Al Miranchuk 4.5 (15′ st, Smolov 6), Cheryshev 5.5 (38′ pt, Mario Fernandes ng); Dzyuba 6. CT: Chercesov

Arbitro: Malang Diedhiou

Note: Ammonizioni: Smolnikov (R), Gazinsky (R), Bentancur (U)

Espulsione: Smolnikov, doppia ammonizione

MIGLIORE IN CAMPO ˗ URUGUAY:

Suarez 7: autore di una prestazione da leader quella del pistolero: lesto e rapido nel conquistare i numerosi palloni persi dagli avversari, letale su calcio piazzato, altruista nel voler far segnare i compagni, soprattutto Cavani

PEGGIORE IN CAMPO ˗ URUGUAY:

Coates 6: se proprio bisogna trovare un peggiore, Coates ottiene la sufficienza ma commette, rispetto ai compagni, alcune sbavature correggibili, soprattutto nelle marcature sugli attaccanti

MIGLIORE IN CAMPO ˗ RUSSIA:

Dzyuba 6: sebbene sia incredibilmente difficile trovare una sufficienza nella formazione russa, si è voluto premiare Dzyuba per la caparbietà e l’impegno, non assolutamente per le qualità delle giocate: l’ariete è l’unico a provare a fare qualcosa là davanti ma in solitaria diventa tutto assai difficile

PEGGIORE IN CAMPO ˗ RUSSIA:

Smolnikov 4: prestazione abominevole del terzino russo, capace di rimediare un’ammonizione nei primi minuti e, non contento, conquistarne un’altra al 37’, che costringe la sua squadra a rimanere in dieci. Le lacrime all’uscita dal campo non bastano

Uruguay-Russia: diretta live e sintesi

SINTESI SECONDO TEMPO: la seconda frazione parte con lo stesso copione del primo: l’Uruguay che gestisce e la Russia che subisce, in maniera quasi passiva. I primi dieci minuti sono caratterizzati da accesi contrasti, che interrompono in continuazione lo sviluppo dell’incontro, e da conclusioni maldestre. Nonostante i cambi messi in campo da Chercesov allo scopo di provare a cambiare le redini del gioco, la situazione non muta e ogni tentativo dei russi non riesce mai a impensierire seriamente la difesa e Muslera. La squadra di Tabarez controlla senza problemi per il resto del tempo, cercando di approfittare di alcuni errori davvero imbarazzanti di alcuni giocatori della selezione dell’Armata Rossa, Kutepov su tutti, riuscendo a trovare il 3˗0 soltanto al 45’ con Cavani, che si sblocca dopo molti tentativi falliti

50′ – Finisce qui: è 3-0 per l’Uruguay

49’ ˗ Cambio Uruguay: esce Cavani, entra Gomez

45′ – Assegnati 4′ di recupero

45’ ˗ GOL URUGUAY!!!! Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Cavani raccoglie una respinta corta di Akinfeev, insaccando un facile tap in

45’ ˗ Occasione Uruguay. Colpo di reni di Akinfeev che devia in corner un tiro preciso e potente di Rodriguez dalla distanza

42’ ˗ Occasione Uruguay. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Akinfeev smanaccia a poca distanza dalla traversa, evitando così il gol del 3˗0

40’ ˗ Occasione Russia. Smolov dimostra tutta la sua superiorità tecnica in area di rigore con un rapido dribbling, capace di disorientare i difensori, per poi essere intercettato con una presa a terra da Muslera

37’ ˗ Rodriguez ci prova dalla lunga distanza ma Akinfeev, ben piazzato, riesce a respingere

35’ ˗ Occasione Uruguay. Cavani approfitta di un errore imbarazzante di Kutepov ˗ rilancio centrale inguardabile ˗ conquistando un pallone e servendolo a Suarez che si fionda verso l’area, per poi servire un traversone rasoterra per la discesa di Cavani: l’attaccante del PSG arriva in ritardo, senza riuscire a impattare il pallone

34’ ˗ Traversone millimetrico di Caceres, soltanto sfiorato dalla testa di Cavani

33’ ˗ Torreira rimane a terra dopo un contrasto: necessario l’intervento dello staff

29’ ˗ Occasione Russia. Dzyuba arriva al tiro a giro dopo un controllo macchinoso ma il suo tentativo finisce alto sopra la traversa alla destra di Muslera

27’ ˗ Secondo cambio per Tabarez: entra Rodriguez, esce Nandez

26’ ˗ Gomito largo di Godin nel tentativo di salto che colpisce Dzyuba al volto: l’arbitro aspetta la chiamata del VAR che, però, conferma la sua decisione di non concedere calcio di rigore

24’ ˗ Occasione Uruguay. Cavani prova a penetrare in area da sinistra, dopo una serie di efficaci dribbling, ma la sua conclusione finisce ben oltre il palo alla sinistra del portiere russo

23’ ˗ Godin, anziché gestire un tranquillo pallone, sceglie di colpirlo al volo dalla propria metà campo, spedendolo direttamente nella tribuna alle spalle di Akinfeev

20’ ˗ Intervento pulito e di puro mestiere di Ignashevich su Cavani in area di rigore. Nonostante le proteste dell’attaccante, l’arbitro non concede alcun calcio di rigore

17’ ˗ Prima sostituzione per l’Uruguay: entra De Arrascaeta, esce Bentancur

17′ – Ammonizione di Bentancur per proteste

16’ ˗ Lancio completamente fuori misura di Zobnin per Dzyuba: palla sul fondo

15’ ˗ Ultimo cambio per Chercesov: entra Smolov, esce Al Miranchuk

14’ ˗ Bentancur, caparbio, recupera il pallone sulla linea di fondo dopo un contrasto con Kutepov, ma la sua conclusione viene ribattuta da un difensore

11’ ˗ Acceso contrasto corpo a corpo tra Nandez e Al Miranchuk nei pressi della fascia laterale ma l’arbitro fa correre

8’ ˗ Trattenuta evidente di Cavani su Kutepov: calcio di punizione per la Russia

7’ ˗ Sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Samedov, il traversone del centrocampista finisce miseramente sul fondo: ennesima occasione sprecata

5’ ˗ Vecino cerca di premiare l’inserimento centrale di Bentancur in area di rigore ma il centrocampista juventino arriva in ritardo, vanificando il tentativo

2’ ˗ Sugli sviluppi del calcio di punizione, Cavani cerca di sorprendere la barriera con un tiro a giro ma gli uomini schierati riescono a intercettare e allontanare

1’ ˗ Kutepov atterra Suarez con un netto pestone al limite dell’area: calcio di punizione da posizione molto interessante, simile a quella che ha permesso agli uomini di Tabarez di passare in vantaggio

1’ ˗ Seconda sostituzione per la Russia: esce Gazinsky, entra Kuziaev

1’ ˗ Diedhiou fischia l’inizio della seconda frazione: sarà l’Uruguay a battere

SINTESI PRIMO TEMPO: la prima frazione di gioco parte in sostanziale equilibrio con le due formazioni che sembrano studiarsi senza affondare. Al 10’, però, Suarez approfitta di un errore della difesa e sugli sviluppi di quest’azione Bentancur conquista una buona punizione dal limite, trasformata con un potente fendente rasoterra dall’attaccante del Barcellona. La Russia prova subito a reagire fiondandosi in avanti con una certa organizzazione, creando qualche pericolo alla retroguardia della Seleccion con Dzyuba e Cheryshev. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, al 23’, però, i sudamericani riescono a trovare il bis con una sfortunata deviazione della punta di diamanta della Russia finora, Cheryshev, che sorprende l’incolpevole Akinfeev. Gli uomini di Chercesov sembrano emotivamente colpiti e non riescono più a organizzare una manovra efficace, abbassando di molto il proprio baricentro. La partita cambia ulteriormente al 37’ quando Smolnikov si fa ammonire per la seconda volta, lasciando i suoi con un uomo in meno ma, soprattutto, lasciando campo libero agli uruguagi di gestire in piena tranquillità la partita

47′ – Su un fraseggio un po’ troppo macchinoso da parte dei russi, il direttore di gara fischia la fine della prima frazione: è 2-0 per i sudamericani

45’ ˗ Assegnati 2’ di recupero

43’ ˗ Intervento falloso di Bentancur su Samedov: l’arbitro interviene decretando il calcio di punizione per i russi

42’ ˗ Laxalt prova a sorprendere Akinfeev da distanza siderale: il portiere blocca senza problemi

38’ ˗ Prima sostituzione per la Russia: fuori Cheryshev, dentro Mario Fernandes

37’ ˗ Pessima conclusione sul calcio di punizione, finito direttamente sul fondo

36’ ˗ Seconda ammonizione per Smolnikov: espulsione. Il terzino, in maniera troppo imprudente, atterra Laxalt con un intervento da dietro, lasciando i suoi in dieci

35’ ˗ Diedhiou fischia un fallo in favore dell’Uruguay, commesso da Dzyuba, reo di essersi appoggiato su Coates

31’ ˗ Pessimo traversone di Samedov che finisce direttamente sul fondo

29’ ˗ Grande verticalizzazione di Laxalt, all’altezza della propria bandierina, a trovare Suarez, anticipato di pochissimo da Ignashevic, prima dell’intervento provvidenziale di Akinfeev

28’ ˗ Occasione Uruguay. Bentancur penetra efficacemente in area di rigore e, dopo un rapido dribbling, prova a sorprendere Akinfeev ma la sua conclusione viene deviata dallo stesso portiere ben piazzato

27’ ˗ Smolnikov rischia la seconda ammonizione ma l’arbitro lo grazia

23’ ˗ GOL URUGUAY!!!!! Sul sinistro di Laxalt, apparentemente innocuo, dalla distanza, Cheryshev devia il pallone con la parte interna del ginocchio e sorprende Akinfeev sul lato opposto

22’ ˗ Sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Torreira dalla fascia sinistra, Cavani prova la deviazione con la mossa dello scorpione ma Dzyuba lo anticipa e, di testa, spedisce la palla in tribuna

21’ ˗ Brutto pestone rimediato da Nandez in un contrasto con un avversario: calcio di punizione ma senza ammonizione

19’ ˗ Negato un calcio d’angolo evidente alla Russia su una palese deviazione di Nandez: errore dell’arbitro

17’ ˗ Sugli sviluppi del calcio d’angolo, Dzyuba fa valere la sua superiore stazza fisica su Coates e svetta di testa più in alto di tutti ma la sua conclusione, schiacciata, finisce alta sopra la traversa dopo un rimbalzo caduto davanti a Muslera

17’ ˗ Cheryshev prova a mettere in mezzo un buon pallone rasoterra ma Caceres intercetta e devia in corner

15’ ˗ Vecino viene atterrato da Al Miranchuk, dopo un contrasto area nel cerchio di centrocampo: calcio di punizione per la Celeste

12’ ˗ Occasione Russia. Cheryshev, su sponda di Dzyuba, ha l’occasione, da una zona centrale dell’area di rigore, di pareggiare la partita ma il suo tiro centrale, ben calciato, viene intercettato da Muslera

10’ ˗ GOL URUGUAY!!!! Sugli sviluppi del calcio di punizione, Suarez colpisce con forza e potenza, unita a una buona capacità di tenere la palla bassa, e indirizza il pallone verso l’angolino alla sinistra di Akinfeev

9’ ˗ Suarez approfitta di un retropassaggio errato di un avversario ma il suo cross viene intercettato da Kutepov che devia verso l’esterno dell’area: Bentancur arriva di gran carica e viene atterrato. Calcio di punizione dal limite

8’ ˗ Cheryshev prova l’uno contro uno all’entrata dell’area di rigore ma Coates è attento e impedisce al russo di sfondare

7’ ˗ Ottimo intervento in scivolata di Kutepov a evitare la ripartenza di Suarez

5’ ˗ Caceres prova a lanciare centralmente Suarez: buona l’idea meno l’esecuzione

3’ ˗ Entrata con il piede a martello di Kutepov su Cavani: il direttore di gara non ferma il gioco ma non ammonisce

2’ ˗ Vecino si libera bene dalla marcatura di Gazinsky e prova il tiro dalla lunghissima distanza ma il pallone finisce a lato del palo: Akinfeev ha tutto sotto controllo

1’ ˗ Godin lascia sfilare un pallone troppo lungo lanciato dalla metà campo russa e sarà rimessa dal fondo per Muslera

1’ ˗ Diedhiou fischia l’inizio del match: sarà la Russia a battere il primo pallone

Uruguay e Russia sono scese in campo e sono pronte a dare inizio al match, dopo il tradizionale canto degli inni nazionali, davanti a una Samara Arena tutta esaurita

Uruguay-Russia: formazioni ufficiali

Ecco le formazioni ufficiali. Alcuni cambi di formazione per Tabarez che sceglie di lanciare dal primo minuto Coates in difesa, Nandez a centrocampo, insieme a Torreira e Laxalt. Anche Cercesov opta per qualche cambio: Dzyuba in attacco al posto di Smolov, poi Kudriashov e Smolnikov in difesa e, infine, Al Miranchuk a centrocampo

Uruguay (3-5-2): Muslera; Coates, Godin, Caceres; Nandez, Vecino, Bentancur, Torreira, Laxalt; L.Suarez, Cavani. CT: Tabarez

Russia (4-2-3-1): Akinfeev; Kudriashov, Ignashevich, Kutepov, Smolnikov; Gazinsky, Zobnin; Samedov, Al Miranchuk, Cheryshev; Dzyuba. CT: Cercesov

Uruguay-Russia: probabili formazioni e pre-partita

Con entrambe le squadre già qualificate alla fase successiva, quella tra Russia e Uruguay sarà una sfida che ha, come unico obiettivo, quello di decretare chi guiderà la testa del girone e chi, suo malgrado, passerà come seconda classificata. Alla Russia potrebbe bastare anche un pareggio per passare come prima, dal momento che la differenza reti è nettamente a suo favore; l’Uruguay, invece, ha il compito di ottenere i 3 punti. Entrambi i commissari tecnici sembrerebbero orientati a confermare in toto i rispettivi undici scesi in campo nelle precedenti partite. La punta di diamante dei padroni di casa, dopo due partite disputate ad alto livello, non può essere che Denis Cheryshev, autore di ben 3 gol e trascinatore, nonostante la giovane età, dei suoi. La squadra di Tabarez finora non ha assolutamente dimostrato di esprimere il miglior calcio di questo campionato del mondo, soprattutto con avversari di livello medio basso, ma ha fatto vedere una solidità e una compattezza davvero invidiabile.

Uruguay (4-4-2): Muslera; Varela, Gimenez, Godin, Caceres; C.Sanchez, Vecino, Bentancur, C.Rodriguez; L.Suarez, Cavani. CT: Tabarez

Russia (4-2-3-1): Akinfeev; Mario Fernandes, Ignashevich, Kutepov, Zhirkov; Gazinsky, Zobnin; Samedov, Golovin, Cheryshev; Smolov. CT: Cercesov

Uruguay-Russia: i precedenti del match

Quella che andrà in scena alla “Cosmos Arena” di Samara tra Russia e Uruguay sarà una sfida, che potremmo considerare, navigata tra due selezioni “storiche” e veterane del torneo. Dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica, le due formazioni si sono incontrate soltanto una volta, nel maggio 2012, in occasione di una amichevole, terminata 1˗1. Se, però, si tiene conto degli scontri all’epoca dell’URSS unita, le occasioni di confronto aumentano, portando il bilancio a 9 e di queste, 7 furono le vittorie dei sovietici, 1 quella degli uruguagi e un solo pareggio. Due sono, invece, i precedenti ai Mondiali, finiti con una vittoria dell’URSS e una vittoria dell’Uruguay (Coppa del Mondo 1970). La Russia viene da 4 sconfitte contro avversari sudamericani nella fase finale di un Mondiale; la squadra oggi allenata da Tabarez, invece, è riuscita a ottenere i 3 punti nelle ultime due gare disputate contro squadre europee a un Mondiale (Inghilterra e Italia), dopo una serie di 15 partite senza vittorie. In questo torneo, la Russia vanta il miglior attacco, con 8 reti messe a segno, rispetto alle sue ultime due apparizioni a un Mondiale. Non è mai successo, infine, che una squadra sovietica sia riuscita a ottenere il punteggio pieno nella fase a gironi del torneo

Uruguay-Russia: l’arbitro del match

Sarà il senegalese Malang Diedhiou l’arbitro designato dalla FIFA per dirigere la sfida tra Uruguay e Russia, in programma oggi alle 16, ore italiane, alla “Cosmos Arena” di Samara. Diedhiou, classe 1973, è stato uno degli arbitri delle due ultime edizioni della Coppa delle Nazioni Africane (2015 e 2017), VAR nella Confederations Cup 2017 e arbitro della Coppa del mondo per club FIFA 2017. In questa edizione dei Mondiali, il senegalese ha già diretto un incontro, quello dello scorso 17 giugno tra Costa Rica e Serbia, conclusosi con la vittoria di misura degli europei e 4 ammonizioni

Uruguay-Russia Streaming: dove vederla in tv

Uruguay-Russia sarà trasmessa a partire dalle ore 16 in diretta in chiaro sulle frequenze satellitari di Italia 1 (anche in HD). Non è tutto, perché la partita sarà visibile anche in streaming per pc, smartphone e tablet su tutti i device iOs, Android e Windows Mobile tramite app Premium Play.


Leggi anche: MONDIALI RUSSIA 2018: CALENDARIO E PROGRAMMAZIONE