Genoa – Fiorentina: guerra di date, ammonizioni congelate

206
Il presidente Pallotta in Regione Lazio per il nuovo stadio
© foto www.imagephotoagency.it

Genoa – Fiorentina: battaglia sulla data di recupero della partita, i viola spingono per il 2017 addirittura. Congelate le ammonizioni rimediate al momento della sospensione della gara, resteranno così in stand-by

Il recupero di Genoa – Fiorentina, gara interrotta l’altro ieri dopo 28 minuti di gioco per pioggia, è un caso: mancano ancora 62 minuti da giocare, ma tra le due società, almeno all’inizio della discussione iniziata ieri, non pare esserci per nulla accordo. Ne potrebbe nascere una piccola, ma non tanto piccola, battaglia in Lega, perché di fatto il calendario delle due squadre, specie quello viola, è bello fitto di impegni ed ognuno dei due club preme per portare acqua al proprio mulino. La Fiorentina, addirittura, vorrebbe giocare l’anno prossimo: l’11 gennaio 2017, quando ci sarà la pausa dalle coppe europee. Un modo per giocare a mercato aperto sperando di completare l’organico attuale, scrive La Repubblica. Una finestra però ci sarebbe prima: tra l’11 e il 18 dicembre. Si discute sul 15 dicembre in particolar modo, ma la Fiorentina gioca lunedì 12 col Sassuolo. Ultima ipotesi: spostare Genoa – Perugia di Coppa Italia del primo dicembre (a quando però?) per recuperare.

GENOA – FIORENTINA: AMMONIZIONI CONGELATE – Aspetto regolamentare curioso da sottolineare è quello relativo alle ammonizioni rimediate nella prima mezz’ora di gioco della partita: saranno, per il momento, congelate, ovvero messe in stand-by fin quando non si giocherà il resto della gara. Praticamente l’ammonizione rimediata, per esempio, da Miguel Veloso, è come se al momento non esistesse e così sarà ancora per un po’ di mesi.

Michele Ruotolo
Classe '88, capo-redattore e responsabile editoriale di Calcionews24. Spesso mi contraddico.
Condividi
Articolo precedente
mourinho manchester unitedMourinho: «L’Inter di vecchi frustrati il ricordo più bello»
Prossimo articolo
totti romaRoma, Pallotta: «Al rigore di Totti mi sono girato»