Asl Torino: «Cristiano Ronaldo sta tornando in Italia»

© foto www.imagephotoagency.it

Roberto Testi, dirigente della Asl di Torino, ha parlato ritorno in Italia di Cristiano Ronaldo dopo la positività al Coronavirus

Roberto Testi, dirigente della Asl di Torino, ha parlato ritorno in Italia di Cristiano Ronaldo dopo la positività al Coronavirus. Le dichiarazioni raccolte da gazzetta.it.

«Mi risulta che Cristiano Ronaldo stia tornando. Non conosco i dettagli della situazione, ma la normativa prevede la possibilità che venga effettuata una richiesta di volo sanitario, denunciato come tale all’Usmaf, l’Ufficio di Sanità marittima, aerea e di frontiera. In questo caso, Ronaldo avrebbe il diritto di volare con un aereo privato, anche con il suo personale: non è necessario un aereo ad hoc. Generalmente in questi casi il viaggiatore viene trasportato con una ambulanza, ovviamente privata, a casa. Certamente per 10 giorni dovrà restare a casa e non potrà allenarsi con la squadra».