Aurier, il processo per aggressione “aiuta” l’Inter: Tottenham più lontano

Aurier, il processo per aggressione “aiuta” l’Inter: Tottenham più lontano
© foto www.imagephotoagency.it

L’Inter aveva individuato in Serge Aurier il rinforzo ideale sulle fasce, salvo poi subire l’offensiva del Tottenham per il terzino. Adesso, però, la situazione sembra essersi, nuovamente, ribaltata

L’approdo di Dani Alves al Paris Saint Germain ha, di fatto, chiuso le porte per la titolarità a Serge Aurier. Il terzino è, così, finito sul mercato ma i transalpini non si muovono dalla richiesta di 25 milioni di euro per il suo cartellino. Al momento, però, i rumors, provenienti da Francia e Inghilterra, sul futuro dell’ivoriano appaiono contrastanti. L’Equipe scrive dell’accordo, già trovato, tra Serge e l’Inter, con la dirigenza neroazzurra chiamata ad ammorbidire le pretese dei francesi prima di concludere l’operazione. Dal fronte britannico, invece, danno Aurier vicinissimo al Tottenham. Il club londinese, ancora inattivo sul mercato, deve sostituire Walker con un terzino che garantisca altrettanta corsa e qualità. Forte dei 51 milioni incassati dalla cessione del nazionale inglese al Manchester City, il club di Pochettino, al momento, appare ancora in vantaggio. Ma c’è un piccolo, poi mica tanto, particolare, che potrebbe cambiare le carte in tavola. Secondo La Gazzetta dello Sport, se la condanna a due mesi di prigione, per aver picchiato un poliziotto, dovesse essere confermata in appello, al terzino verrebbe negato il visto per entrare in Inghilterra. Così l’Inter potrebbe ritornare in pole.