Parla Ausilio: «Champions? Se c’è il Milan ci sono anche Atalanta e Samp. Su Lautaro e Icardi…»

Ausilio
© foto www.imagephotoagency.it

Le dichiarazioni di Piero Ausilio, direttore sportivo dell’inter, prima del match contro il Bologna. Ecco le sue parole

L’Inter affronterà il Bologna nel match valido per la 24ª giornata. Piero Ausilio, ds dei nerazzurri, ha parlato di mercato e non solo a “Premium Sport“. Queste le sue parole: «Lautaro Martinez? In Argentina c’era il sole e si stava meglio. Abbiamo fatto un po’ di lavoro e un po’ di aggiornamento professionale. Non vogliamo parlare di mercato perché abbiamo la testa su questa partita. Non so quanto è vicino, noi cerchiamo di mettere delle basi importanti per il futuro della società. Le frasi di Spalletti pubblicate dal Corriere della Sera? Io sono sempre con il mio allenatore, sempre. L’allenatore ha già chiarito ampiamente le cose e ha fatto un discorso preciso, rivolto a un solo soggetto. Io sono il ds dell’Inter e tutti noi siamo in sintonia con l’allenatore, non aggiungo altro».

Ausilio ha poi parlato del futuro di Icardi e delle difficoltà di Candreva: «Icardi? Sta benino. Oggi era più un rischio. Se fosse stata l’ultima partita del campionato Mauro l’avrebbe giocata. C’era un piccolo rischio nel farlo giocare e siccome abbiamo ancora tante partite abbiamo preferito non rischiarlo. Rinnovo? Da qui alla fine della stagione ci troveremo. Quando si sta bene insieme non devi fare le cose in fretta. Ci sarà tempo per vedere il discorso con Mauro con calma. Candreva in difficoltà? Se l’Inter non vince da 8 partite non è un problema di un solo giocatore. Lui ha parlato prima di una partita importante, sapeva di non giocare, ma è determinato ed è un professionista serissimo e se avrà l’occasione darà una mano alla squadra».

Chiosa finale sulla corsa Champions: «Corsa Champions? Io non escludo il Milan ma anche Atalanta e Sampdoria. Non mi guardo dietro perché abbiamo tre squadre davanti. Finisse il campionato oggi saremmo in Champions. Noi non ci nascondiamo ma alcuni fanno finta di non vedere e siamo in linea con i nostri obiettivi. La critica ci sta e va accettata ma nessuno di noi ha parlato di Scudetto all’inizio. Noi sappiamo quali sono gli obiettivi: abbiamo chiesto alla squadra e a Spalletti di tornare in Champions».