BernarDAYschi: l’altro Federico che ha più coraggio di Baggio! Ma non paragonatelo a Roby

© foto Db Bergamo 01/10/2017 - campionato di calcio serie A / Atalanta-Juventus / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: esultanza gol Federico Bernardeschi

Fiorentina-Juve sarà una sfida speciale per Bernardeschi. Il numero 33 torna al Franchi ma sono tante le differenze con il ritorno di Roberto Baggio

Non sarà mai una sfida come le altre! Fiorentina vs Juventus: quando la Juve arriva a Firenze, Firenze si ‘agita’! Non sarà mai una partita come le altre nemmeno per Federico Bernardeschi. Il numero 33 bianconero ha ‘tradito’ i viola lasciando la maglia numero 10 della Fiorentina per andare a Torino, sponda juventina. Il giocatore questa sera al Franchi, in occasione della gara per la 24ª giornata di Serie A, tornerà nella ‘sua’ Firenze e verrà ricoperto di fischi!

In tanti hanno paragonato l’addio di Berna all’addio di Roberto Baggio, passato nel 1990 dalla Fiorentina alla Juventus. Le differenze però sono tante. Bernardeschi non ha mai avuto un rapporto viscerale con la gente viola, a differenza del Divin Codino. Baggio, alla prima ‘reunion’ al Franchi non ebbe il coraggio di tirare un calcio di rigore contro quella che considerava la sua gente. Berna non avrebbe alcun problema a posizionare la palla sul dischetto e a provare a far gol a Sportiello e a una intera popolazione. «Se ci fosse un rigore contro di loro lo tirerei. Sarò sempre riconoscente, è grazie ai viola che sono qui, poi ho scelto un’altra strada e sono orgoglioso di essere andato alla Juve». Berna dixit.

Berna, che è stato anche minacciato di morte sui social, accetta le critiche e sa benissimo che questa sera quel pallone peserà più di ogni altro pallone mai calciato nella sua carriera, fino a questo momento. Baggio lo sapeva e non ha osato giocare col destino. E’ uscito e ha raccolto la sciarpa della Fiorentina. Berna, se dovesse capitare, non farebbe lo stesso. Lui ha sempre giocato nella Viola con l’idea, un giorno, di andare via. Lui, per parafrasare Pioli, è l’altro Federico. Non paragonatelo a Baggio.