Callejon e i suoi fratelli: come cambia l’attacco del Napoli

nizza-napoli champions league
© foto www.imagephotoagency.it

L’arrivo di Simone Verdi, la possibile partenza di Callejon ed un reparto d’attacco da riassettare: il Napoli di Sarri è soltanto un ricordo

Eravamo abituati a vedere Insigne, Mertens e Callejon fissi in campo nel 4-3-3 di Sarri, con ingresso a gara in corso di Milik. Ecco, con Ancelotti scordatevelo. Carlo, a differenza dell’integralista Maurizio, ama ruotare sia sistemi di gioco che calciatori da mandare in campo. L’attacco del Napoli, quindi, dalla stagione 2018/2019 subirà accorgimenti importanti, sia in termini di gioco che proprio di uomini a disposizione all’interno del roster.

Sicuri di un posto sia Lorenzo Insigne che Arkadiusz Milik, con Dries Mertens verso la riconferma, a poter salutare la compagnia potrebbe essere Josè Maria Callejon: lo spagnolo piace sia all’Atletico Madrid che al Milan e ha una clausola rescissoria da 23 milioni di euro. Un suo addio sarebbe preso a cuore più leggero grazie all’arrivo di Simone Verdi: ambidestro, tiratore sui calci piazzati, capacità di giostrare da trequartista così come da esterno su entrambe le fasce o anche da falso nueve. Roberto Inglese, invece, dovrebbe essere la terza prima punta, alle spalle dei suddetti Milik e Mertens. Amin Younes sarà testato in ritiro a Dimaro e, in caso di bizze, potrebbe essere ceduto per generare una ricca plusvalenza. Futuro in prestito per i vari Vinicius, Ciciretti e Roberto Insigne.