Caso Sala, fu il suo agente a organizzare il tragico volo

Caso Sala, fu il suo agente a organizzare il tragico volo
© foto Emiliano Sala

Ancora nuovi torbidi particolari sul caso di Emiliano Sala: l’argentino rifiutò il volo offerto dal Cardiff

Giorno dopo giorno il caso Sala si arricchisce di nuovi terribili dettagli dopo il caso della mancata rata. Solo pochi giorni fa il suo agente Willie Mckay si era scagliato contro il Cardiff con parole aspre e piene di risentimento. Il procuratore accusava il club di un sospetto immobilismo, mentre tutto il resto del mondo si adoperava alla ricerca del calciatore e del pilota di quel piper inabissatosi nella Manica.Feroce la critica anche nei confronti di chi quel viaggio lo doveva organizzare, ossia il Player Liason Office «Hanno comprato un giocatore per 17 milioni di sterline per poi lasciarlo in hotel a cercarsi un volo da solo».

A queste accuse il Cardiff ha risposto pubblicando un messaggio Whatsapp inviato dallo stesso giocatore all’ufficio relazioni con i giocatori. Nel messaggio si legge che è lo stesso Sala a rifiutare l’offerta di un volo di linea offerta dal club preferendole un piper prenotato per lui proprio da McKay. Indiscrezioni, queste, che scagionano il club da qualsiasi responsabilità. E che finiscono per inguaiare l’agente che adesso dovrà fare i conti con nuove accuse.