Fiorentina, Iachini: «Non rinunciamo all’Europa»

Iachini Fiorentina Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Giuseppe Iachini ha parlato al termine del match vinto contro il Torino: le dichiarazioni dell’allenatore della Fiorentina

Giuseppe Iachini, allenatore della Fiorentina, ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del match vinto contro il Torino.

CENTROCAMPO – «A Castrovilli e ai centrocampisti chiedo di essere più presenti in area e chiudere più spesso le azioni: lui ha le possibilità di farlo, e nel suo passaggio di crescita c’è anche questo. Saper essere decisivo e andare a far gol».

OBIETTIVI – «Ho ritrovato il gruppo e la squadra sulle stesse prestazioni dell’anno scorso: compatti e presenti in ogni aspetto. Ora stiamo inserendo qualche ragazzo nuovo, ma sono convinto che questi ragazzi possano ritagliarsi un ruolo giusto e togliersi soddisfazioni loro e farle togliere a presidente, società e tifosi. Lavoriamo per migliorarci, una partita alla volta, ed essere determinati nell’andare a prenderci le vittorie».

CHIESA – «Avevamo preparato una partita in ampiezza ed aggiramento: Federico ha avuto opportunità di determinare anche nel primo tempo, ma tra errori suoi e noi nel sostenerlo sui due-contro-uno in fascia, non l’abbiamo sfruttato. Poi abbiamo migliorato qualche aspetto, e i ragazzi hanno fatto un ottimo secondo tempo».

KOUAMÈ – «Abbiamo tre attaccanti giovani, non possiamo aspettarci tutto subito. Christian i suoi gol li farà: lavora bene in settimana, ha capacità e margini di crescita. Lui come Vlahovic e Cutrone segneranno i loro gol. La stagione è lunga e ci servono tutti».

SORPRESA – «Lavoriamo per viaggiare e migliorare. Nell’ultimo periodo dello scorso anno siamo stati la miglior difesa del campionato, ora in certi momenti c’è da migliorare sull’ultimo passaggio e sulla concretezza. Mi è piaciuto comunque l’atteggiamento di rimanere sempre alti con la linea, senza paura e scendere: voglio una squadra sempre più coraggiosa, per determinare le partite in casa e fuori».

EUROPA – «Lo scorso anno abbiamo raggiunto il decimo posto dal quartultimo: quest’anno dobbiamo rimanere con più costanza a sinistra, cercando di far più punti possibili metro dopo metro. Strada facendo vedremo come sarà cresciuta la squadra: di certo non rinunciamo a nulla, ma si arriva alla montagna un passo alla volta».