Connettiti con noi

2009

Fiorentina, Ljajic: “Potevo andare all’Inter. Paura di San Siro? No, ho giocato il derby di Belgrado…”

Pubblicato

su

La Gazzetta dello Sport ha intervistato il centrocampista della Fiorentina Adem Ljajic. Ecco un estratto delle parole del giocatore:”L’esordio con la Seria? Spero sia l’inizio di una grande carriera. I compagni più grandi mi chiamano “Il Bambino” e mi piace. La mia dedica però va a Mihajlovic: non dite che sono il suo prediletto, potrà  sembrare così da fuori, ma vi assicuro che in campo mi tratta come gli altri. Italia-Serbia? Bruttissimo spettacolo. Ma dietro c’è la politica e non sta a me commentare. Altre cose non mi piacciono: i cori razzisti a Balotelli, per esempio: fanno male a chi è in campo e a tutta la Nazionale. Per me ogni uomo è uguale, bianco o nero che sia. Paura per San Siro? Mai scappato di fronte alle responsabilità , adoro la tensione intorno a me. Paura? Impossibile. Ricordo che sono nato in Serbia e che ho giocato il derby di Belgrado, quando ero al Partizan. Lì c’è una pressione pazzesca, tutto il Paese si ferma. Queste sono le partite che mi piacciono: a Milano sarà  la stessa cosa, di fronte avremo i migliori al mondo. Ronaldinho è il numero uno. La Fiorentina? Ci hanno fermato gli infortuni, ma presto saremo in cima. Se battiamo il Milan nella nostra testa potrebbe scattare qualcosa, ci darebbe uno stimolo incredibile. L’Inter?C’erano stati contatti con l’Inter, è vero. Ma ora non ci penso più: ho comprato casa a Firenze con la speranza di restarci il più a lungo possibile. Qui mi piace tutto, soprattutto ragù d’anatra e bistecca alla Fiorentina media cottura”.