Connettiti con noi

Calcio Estero

Guardiola: «De Bruyne ha i sintomi del Covid. Su Rangnick…»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Pep Guardiola, allenatore del Manchester City, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro il West Ham

Pep Guardiola, allenatore del Manchester City, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro il West Ham. Le sue dichiarazioni.

CHAMPIONS – «La Premier è una competizione diversa. Siamo felici di aver ottenuto la qualificazione alla fase a eliminazione diretta della Champions League. Questo ci permetterà di essere concentrati sulla Premier fino a febbraio. Le quattro squadre della Premier sono già agli ottavi di Champions League, hanno tutte fatto bene in questa stagione. Il livello è questo».

RANGNICK ALLO UNITED – «Non conosco personalmente Rangnick. Abbiamo parlato al telefono una volta, l’ho incontrato in un’occasione. Il suo ottimo lavoro con la Red Bull parla per lui. Se dovessi parlare di tutti gli allenatori del Manchester United, staremmo altre tre ore e oggi pomeriggio devo fare un pisolino. Quando sarà ufficiale parleremo del nuovo allenatore. Per ora l’allenatore è Michael Carrick e lo rispetteremo».

STERLING – «Ci aiuta molto, su questo non ci sono dubbi. Per gli attaccanti e le ali è importante segnare gol e fare assist. È stato assolutamente fondamentale in questi anni, in tutto quello che abbiamo costruito. Ma allo stesso tempo sappiamo che può migliorare. Le ultime prestazioni sono un passo in più per tornare alla forma migliore».

INFORTUNATI – «Foden e Grealish hanno svolto un allenamento individuale. Stanno meglio, ma non correremo rischi. Contro il PSG eravamo solo 15 giocatori, ci hanno aiutato Palmer e McAtee. De Bruyne è un po’ stanco e non sente i sapori, ha un po’ tutti i sintomi che conosciamo del Covid-19. Speriamo che passi presto. Tra pochi giorni farà un altro test e se sarà negativo tornerà in squadra».