Hellas Verona, Mandorlini a Sky: «SIamo in crisi? Ben venga a 40 punti»

© foto www.imagephotoagency.it

HELLAS VERONA INTER MANDORLINI – E’ da poco giunta al termine la gara tra Hellas Verona e Inter valida per la giornata numero ventotto del campionato italiano di Serie A. Allo stadio Bentegodi di Verona le due squadre hanno smesso di darsi battaglia e ai microfoni di Sky Sport qualche istante dopo il triplice fischio ha parlato il tecnico degli scaligeri Andrea Mandorlini.

IL MOMENTO – «Questo non è un momento facile, lavoriamo, creiamo ma non siamo concreti come lo eravamo poco tempo fa. I ragazzi correvano, hanno avuto una buona intensità, ci siamo allungati nella metà del secondo tempo ma abbiamo fatto una buonissima partita e io gli ho fatto i complimenti perchè i ragazzi hanno messo in campo quello che avevamo provato in settimana. Crisi? Abbiamo 40 punti, ben venga a 40 punti. Ognuno può dire quello che vuole, siamo convinti di quello che stiamo facendo, abbiamo provato nuovi calciatori e siamo arrabbiati perchè volevamo fare risultato contro una grande squadra».

LE SCONFITTE INTERNE – «Le squadre arrivano qui con un altro atteggiamento rispetto a quanto facevano a inizio anno. Forse all’inizio non davano il giusto peso alla nostra squadra. Ma è un momento così, siamo meno lucidi in avanti e alla prima mezza situazione prendiamo gol. Dobbiamo migliorare questi aspetti ma per fortuna abbiamo fatto tanti punti prima».

LA TATTICA – «Nel primo tempo abbiamo giocato di più sulla destra con Romulo e Sala, potevamo essere decisivi e abbiamo creato 4-5 situazioni importanti e sarebbe potuta essere una nuova gara. Iturbe a sinistra? A volte gli esterni si cambiano, è mancato in qualche occasione ma lui può giocare a destra, sinistra, non è quello il problema. Sapevo di poter avere difficoltà con le ripartenze di Jonathan, poi sul gol è scivolato Albertazzi. Noi abbiamo delle caratteristiche importanti ma devo fare i complimenti a Sala, un ragazzo che è cresciuto tantissimo e ci stiamo preparando anche al futuro».