Incidente Defrel, la Sampdoria lo difende: «Nessun inseguimento»

Incidente Defrel, la Sampdoria lo difende: «Nessun inseguimento»
© foto Twitter

Dopo l’incidente che ha portato la Polizia a ritirare la patente a Defrel, la Sampdoria chiarisce: «Non si è sottratto ad alcun controllo».

Nessuna fuga ad alta velocità dalla Polizia, terminata con uno schianto, ma un semplice incidente stradale. Questa la ricostruzione dei fatti, attraverso un comunicato ufficiale, da parte della Sampdoria dopo le voci circolate in seguito al ritiro della patente di cui è stato oggetto l’attaccante francese Gregoire Defrel. «In merito a quanto accaduto nella notte al calciatore Grégoire Defrel, – si legge nella nota – i dirigenti dell’U.C. Sampdoria hanno verificato con la Questura di Genova e con il proprio tesserato che non c’è stato alcun inseguimento dopo un mancato “alt” a un posto di blocco».

«La Polizia è intervenuta in seguito all’incidente stradale in corso Europa, – prosegue il club genovese nella sua ricostruzione dei fatti – quindi è entrata in azione anche la Polizia Municipale. Defrel non si è sottratto ad alcun controllo, ha anzi collaborato e ha dato la propria disponibilità per i rilievi e per la verbalizzazione dell’accaduto. Qualsiasi ulteriore ricostruzione dei fatti è dunque da ritenersi priva di ogni fondamento». Per questo la società del presidente Massimo Ferrero ha deciso di non prendere provvedimenti disciplinari a carico dell’attaccante per quanto accaduto.

GIAMPAOLO-ROMA, IL RETROSCENA: LA CHIAMATA DI BALDINI E NON DI MONCHI. IN ESTATE…