Lazio-Inter come nel 2002? No, secondo chi c’era

Iscriviti
5 maggio 2002
© foto Wikimedia Commons

Inter-Juventus a molti ha ricordato l’annata calcistica 2001/2002, quella che vide trionfare in campionato proprio i bianconeri a dispetto di Materazzi&Co.

Il cartellino rosso a Matias Vecino, la mancata espulsione di Miralem Pjanic dopo il fallo su Rafinha e comunque la direzione arbitrale, in generale, di Orsato in Inter-Juventus hanno fatto discutere eccome e continuano a farlo. All’indomani della festa Scudetto bianconera, infatti, ci si chiede se a San Siro fosse andata diversamente a quest’ora probabilmente avremmo potuto vedere una festa caratterizzata da altri colori, cori e volti.

Marco Materazzi era un calciatore dell’Inter nel campionato 2001/2002 e ha raccontato, sulle colonne de La Gazzetta dello Sport, come andò: «5 maggio? Avrei dato 2-3 degli scudetti vinti dopo per tenermi quello. Che successe? Che noi abbiamo sbagliato la partita, ma che tutto era apparecchiato perchè potesse succedere. Vedi il rigore inventato contro di noi a Venezia, quello non dato da De Santis a Ronaldo contro il Chievo, l’altro negato a Hubner in Piacenza-Juve. Inter-Juve? E’ stata persa una grande occasione… da parte dell’arbitro. Se non vedi quel fallo da giallo di Pjanic o sei cieco o non vuoi vedere. Facendo il suo dovere Orsato non si sarebbe inimicato nessuno. E la Juventus forse avrebbe vinto lo stesso lo Scudetto». Il Napoli ha perso quella sera in albergo? «Stimo Sarri, ma ha sbagliato. C’erano ancora margini per farcela».