Juventus, senti Dybala: «Bianconero a vita? Non lo prometto»

Iscriviti
dybala juventus champions league
© foto www.imagephotoagency.it

L’obiettivo Pallone d’Oro, la leggenda Buffon ma soprattutto il suo futuro: lunga intervista di Paulo Dybala, gioiello della Juventus, a France Football, campanelli d’allarme per i bianconeri…

Si rincorrono da diversi mesi le indiscrezioni sul futuro di Paulo Dybala. Il gioiello della Juventus è finito nel mirino dei top club europei e, intervistato da France Football, non esclude che in futuro potrebbe cedere alle sirene di mercato: «Io bianconero a vita? Non posso fare promesse. Ma non dico nemmeno che questo sarà il mio ultimo anno a Torino». Joya ambiziosa, con il Pallone d’Oro nel mirino: «Neymar? E’ al livello di Messi e Ronaldo. Io devo lavorare per migliorare e vincere trofei. Una volta davanti ad un falò con degli amici abbiamo espresso tutti un desiderio: il mio era quello di vincere il Pallone d’Oro».

Successivamente, Paulo Dybala ha parlato dell’addio dell’ex bianconero Dani Alves, passato al PSG in estate: «Dani Alves? Devo ammettere che manca molto a tutti uno come lui: ha un’ampia visione di gioco e scendeva in campo sempre con grande sicurezza. E’ uno dei migliori calciatori mai visti giocare». Non solo la cessione del brasiliano però è stata un rimpianto: «Anche l’addio di Pogba è stato un duro colpo: oltre all’intesa sul terreno di gioco, c’era quella fuori dal campo: siamo molto amici».

Il ricordo di Cardiff è ancora fresco, il ko in finale di Champions contro il Real Madrid per 4-1: «Abbiamo sbagliato totalmente il secondo tempo: mi sentivo impotente. E’ stato strano: abbiamo preso quattro reti quando in tutta la competizione, fino alla finale, ne avevamo presi appena tre». Non mancano, poi, gli elogi al capitano bianconero Gigi Buffon: «Buffon è una leggenda, è rispettato da tutti. Ha quasi 40 anni, ma è come se ne avesse 20». Infine, una battuta sull’etichetta di nuovo Messi: «Non è deleteria per un giocatore: dipende da come la si prende. Qualcuno non la vive bene, ma io sono contento: scendo in campo concentrato per raggiungere i miei obiettivi».