Yonghong Li, aumento capitale Milan senza prestito Elliott

han li yonghong li fassone milan
© foto www.imagephotoagency.it

Il proprietario cinese del Milan, Li Yonghong, invia il bonifico della prima tranche di pagamento sui 37,4 milioni di euro deliberati dal CdA. Retroscena: la società che ha avuto l’incarico per valutare il rifinanziamento in bitcoin è di Sneijder

In casa Milan continua a tenere banco la proprietà cinese. Restano i dubbi finanziari che anche l’Uefa valuterà a fine aprile, mentre Yonghong Li convince il CdA rossonero. Nella giornata di ieri si è riunito il consiglio di amministrazione in casa Milan, la seduta precedente del 13 marzo si era conclusa con la delibera dell’aumento di capitale da 37,4 milioni di euro. Nel corso dell’ultimo vertice il proprietario Li Yonghong ha confermato che farà fronte all’aumento di capitale, quest’oggi arriverà il bonifico dei 10 milioni di euro relativi alla prima tranche di pagamento.

Quest’ultima era stata sollecitata dall’amministratore delegato Marco Fassone per le esigenze di ordinaria amministrazione. La notizia è che il proprietario cinese effettuerà l’aumento senza ricorrere a un ulteriore prestito del fondo Elliott, rifiutando nonostante la disponibilità di concederlo da parte del fondo statunitense. Tuttavia restano i dubbi finanziari sulla proprietà rossonera. Il 19 e il 20 aprile sarà l’UEFA a valutare la situazione del club e propendere per eventuali sanzioni in merito alle violazioni del fair play finanziario.

Inoltre va risolta la questione del rifinanziamento con Elliott, un debito da 370 milioni di euro da estinguere entro ottobre: Li sta cercando un socio e chissà – come riporta Repubblica – che dietro non possa esserci lo stesso che ha messo a disposizione i 37 milioni per il nuovo aumento di capitale. 

Infine tra i retroscena svelati nei giorni scorsi vi era la possibilità di valutare un finanziamento anche attraverso un crowdfunding in criptovalute e l’edizione odierna di Repubblica ha svelato il nome della società specializzata che aveva ricevuto l’incarico dallo staff cinese. Si tratta della piattaforma Vsport, dedicata alle alla ricerca di fondi e risorse per quel che concerne i progetti nell’industria dello sport. Tra i fondatori figura il campione olandese ex Inter, Wesley Sneijder.