Lukaku Inter, ecco come Marotta ha beffato Paratici

© foto www.imagephotoagency.it

L’Inter è riuscita a soffiare alla Juventus Romelu Lukaku: una trattativa estenuante e senza esclusione di colpi condotta da Marotta e Paratici

È stata lunga, a tratti estenuante, ma alla fine la trattativa che porterà Lukaku all’Inter si è finalmente sbloccata, convogliando nel fatidico “sì” che si aspettava da settimane. Lukaku sarà un giocatore dell’Inter dopo un negoziato infinito, costellato da ostacoli continui a causa di un accordo che ha faticato a formalizzarsi e che si è concretizzato solo nelle ultime ore sulla base di 65 milioni di euro più dieci di bonus.

L’interessamento nerazzurro per Lukaku parte da lontano e per mesi è rimasto tale. Da quando Icardi è stato messo sul mercato, il centravanti belga è stato immediatamente indicato come primo successore. Lo stesso attaccante aveva profetizzato «Sì, avrò un’estate agitata» a giugno a margine della partita tra Belgio e Scozia. La trattativa non ha mai viaggiato su percorsi lastricati. Le cose si sono poi complicate, con le richieste dello United troppo alte in rapporto alle offerte nerazzurre e con un interessamento della Juve che sembrava poter mandare all’aria tutto.

Già, la Juve. L’interessamento bianconero per Lukaku, a fine giugno, sembrava più un’azione di disturbo che un tentativo di strapparlo all’Inter. Paratici, invece, ci ha provato per davvero. Sull’attaccante nativo di Anversa si è giocata la prima vera guerra tra Marotta e Paratici da quando il primo è approdato all‘Inter. I bianconeri erano vicinissimi a fare un grosso sgambetto agli acerrimi rivali mettendo sul piatto il cartellino di Dybala e scombinando, in un colpo solo, i piani di Marotta che si vedeva privato sia di Lukaku che di Dybala (candidato numero uno a essere scambiato con Icardi)

Il rifiuto dell’argentino di giocare ad Old Trafford ha agevolato il ritorno di Marotta nella trattativa, trovando l’accelerata decisiva nella serata di sabato con il rilancio da parte dell’ad nerazzurro, come vi avevamo raccontato qui. La prima “guerra di mercato” l’ha vinta Marotta stanando il rivale, facendolo uscire allo scoperto, mettendo Dybala sul mercato e facendo l’affondo decisivo quando i tempi erano ormai maturi. Marotta 1 Paratici 0, in attesa che il confronto si sposti sul campo Paulo Dybala.