Mazzarri sul futuro di Sarri: «Nessun paragone con il mio addio»

Iscriviti
walter mazzarri, torino
© foto www.imagephotoagency.it

Napoli-Torino è finita 2-2, grande prestazione della formazione granata al San Paolo: ecco l’analisi nel post-partita del tecnico Walter Mazzarri, grande ex della partita

Orgoglio granata al San Paolo: Napoli-Torino è terminata 2-2, ottima prestazione di Adem Ljajic e compagni che hanno costretto al pareggio la formazione di Maurizio Sarri, costretta a dare l’addio al sogno scudetto (LEGGI ANCHE: JUVENTUS VIRTUALMENTE CAMPIONE D’ITALIA: ECCO COSA MANCA). Grande ex della partita, il tecnico granata Walter Mazzarri ha commentato così il dispiacere dato ai tifosi partenopei: «Non credo che sia stato determinante il 2-2 di oggi nella corsa scudetto. Ognuno, poi, deve pensare alle sue cose: prima e dopo la partita ci abbracciamo e ci commuoviamo, ma sul campo ognuno deve pensare ai propri obiettivi».

Non poteva mancare una domanda sul possibile addio di Maurizio Sarri, che molti addetti ai lavori hanno paragonato proprio all’addio di Walter Mazzarri nel 2013: «Negli ultimi giorni mi hanno inviato diversi video del mio addio, andate a rivedere la mia ultima conferenza stampa a Roma. I motivi del mio addio al Napoli furono quelli che spiegai nel corso della conferenza stampa, era finito un ciclo. Adesso ci sarà un’altra situazione e io non voglio entrare in questi meccanismi». L’allenatore toscano poi si è soffermato su Marek Hamsik, suo pupillo nel corso della esperienza al San Paolo: «Mi hanno inviato dei video prima della partita: è un calciatore completo, oggi è un campionissimo. Ai miei tempi era un calciatore che stava per trasformarsi in un campione, era un giocatore molto più giovane e inesperto».

Continua Walter Mazzarri, analizzando il gioco sviluppato dai suoi ragazzi: «Oggi volevamo partire da dietro con il pallone e giocare più velocemente, così da fare saltare il pressing del Napoli: nel primo tempo però abbiamo commesso diversi errori, il gol del resto ce lo siamo fatti quasi da soli». L’ex tecnico dell’Inter ha poi evidenziato la crescita della seconda frazione di gioco: «Nella ripresa abbiamo giocato molto meglio, abbiamo fatto una grande partita. La squadra è in crescita, i ragazzi stanno iniziando a capire ciò che voglio: a volte la squadra lo capisce, altre volte no. Certamente, queste partite servono per costruire il futuro del Toro».