Perinetti e il mercato del Genoa: «Vi dico tutto. Piatek cessione inaspettata»

Perinetti e il mercato del Genoa: «Vi dico tutto. Piatek cessione inaspettata»
© foto www.imagephotoagency.it

Conferenza stampa in casa Genoa. Il club ha presentato i nuovi arrivi. Presente anche Giorgio Perinetti che ha risposto alle domande sul mercato

Il Genoa ha presentato i nuovi arrivi. Lunga conferenza stampa in casa rossoblù. Presente anche Giorgio Perinetti, dirigente del Grifone, che ha parlato del calciomercato di gennaio: «Abbiamo dovuto rinforzare la squadra soprattutto a centrocampo, non dimentichiamoci che Prandelli è arrivato da poco, con lui abbiamo studiato le strategie per dare più equilibrio alla squadra e per ridistribuire al meglio i calciatori nei tre ruoli. La cessione di Piatek non era programmata e dispiace anche a noi ma oggi bisogna far fronte ad alcune dinamiche inarrestabili e alla volontà del calciatore perché contano molto le motivazioni e non potevamo correre il rischio di tenere un giocatore poco motivato. Guardate il Milan: non ha vietato a Higuain di andare al Chelsea».

Prosegue Perinetti parlando dei nuovi arrivi: «Abbiamo investito su giovani calciatori come Jagiello in Polonia e Zennaro a Venezia, che resteranno nei rispettivi club. Abbiamo portato giocatori per il progetto di Prandelli. Abbiamo riportato a casa Sturaro, mi piace sottolineare il suo ritorno che è stato come quello di Criscito: entrambi calciatori cresciuti qui e he hanno piacere a tornare nella società che li ha lasciati. Sanabria ha una responsabilità importante che è quella di prendere il posto di un beniamino ma credo sia pronto e spero possa far bene. Lapadula? Ha avuto occasione quest’estate e quest’inverno per giocare di più ma lui ha fatto la scelta di rimanere. Noi abbiamo deciso di ascoltare le proposte perché pensavamo potesse giocare con più continuità ma ora resterà qui e siamo convinti che possa darci una mano. Favilli? Sono cambiati i termini contrattuali, puntiamo molto su di lui».