Dov’è finito il vero Perisic? Spalletti ha una nuova idea e prova a rigenerarlo

perisic inter-torino
© foto www.imagephotoagency.it

L’Inter alla ricerca del vero Ivan Perisic. Il centrocampista croato ha realizzato meno gol e assist rispetto a un anno fa

L’Inter si gode il secondo posto in campionato e l’ottimo andamento in Champions, i gol di Icardi, la ritrovata verve di Joao Mario, la brillantezza di Politano, la garra charrua di Vecino, la solidità della difesa ma non è riuscita ancora a godersi gli sprint di Ivan Perisic. L’esterno d’attacco croato infatti è una delle note meno positive di questo avvio di stagione. Sono passate 11 giornate e il confronto con l’anno scorso è netto: Ivan non solo ha realizzato meno gol e assist ma è anche sotto nelle occasioni create, nei tiri e nei dribbling.

Perisic ha fatto meglio solo nei cross su azione (63 di quest’anno contro i 54 del 2017-18). Ma il confronto con lo scorso anno è impietoso: il croato non segna da due mesi (1 settembre, 0-3 a Bologna) e il conto delle reti è fermo a 2, contro le 4 delle prime 11 dello scorso torneo. In più, ha giocato meno minuti (779 contro 990) ed è dietro negli assist (2 contro 5), nei tiri in porta (8 a 12), nei tiri complessivi (31 a 37), nelle occasioni create (19 a 27) e nei dribbling riusciti (8 a 11). Il giocatore, probabilmente, sta pagando il Mondiale estivo ma Spalletti ha una soluzione e pensa al 4-3-3 per avere l’esterno croato più vicino alla porta.