Roma, ecco la strategia per il dopo Kolarov – ESCLUSIVA

roma
© foto www.imagephotoagency.it

La Roma valuta le opzioni per la fascia sinistra: Silva rispedito allo Sporting, fiducia a Pellegrini

A Roma la fascia sinistra ha un solo padrone: Aleksander Kolarov. Il regno del serbo però non può durare in eterno così i giallorossi stanno varando già una strategia per il futuro. L’ex terzino di Lazio e Manchester City l’anno prossimo avrà 33 anni e alle sue spalle non c’è una vera alternativa in rosa. Durante il mercato di gennaio è partito il brasiliano Emerson, volato alla corte del Chelsea per 20 mln più 5 di bonus. Per sostituirlo è arrivato Jonathan Silva ma l’argentino non è mai sceso in campo e con la panchina di ieri contro la Fiorentina è decaduta anche la condizione che avrebbe fatto scattare l’obbligo di riscatto. Silva infatti avrebbe dovuto giocare 8 gare per far diventare automatico il suo acquisto per una cifra vicina ai 5 mln di euro. Alla fine del campionato però mancano 7 gare e dunque il calcolo è presto fatto.

Al termine della stagione Monchi deciderà il da farsi ma tutto lascia pensare il terzino farà ritorno in Portogallo senza troppi rimpianti. Anche perchè la strategia della Roma è un’altra. In casa c’è Luca Pellegrini, terzino mancino cresciuto nella Primavera di Alberto De Rossi, che si era appena affacciato in prima squadra quando è stato fermato da un brutto infortunio alla rotula. Il peggio è ormai alle spalle già da qualche settimana si allena con il gruppo. Il ragazzo ha grandi doti e chi lo conosce è sicuro della sua futura esplosione. D’altronde su di lui ha scommesso Mino Raiola che ne gestisce la procura. L’agente in settimana è stato a Trigoria per discutere i termini del suo rinnovo di contratto che a breve dovrebbe essere ufficializzato. A Luca Pellegrini verrebbe affidato il ruolo di vice Kolarov con la possibilità di cresce alle spalle del serbo per una stagione, per poi prenderne il posto. L’idea avrebbe l’avallo di Eusebio Di Francesco che in carriera non ha mai avuto paura di lanciare giovani di qualità.