Salih Uçan: dal flop con la Roma al gol con l’Empoli

salih ucan roma
© foto www.imagephotoagency.it

Salih Uçan ieri ha segnato il suo primo gol con l’Empoli ma la sua storia con la Serie A parte da lontano. Da quando Walter Sabatini se ne innamorò portandolo a Roma

Turchia, Italia, Turchia e poi ritorno. La storia tra Salih Uçan e la Serie A va avanti da 5 stagioni ma in realtà è iniziata solo ieri, quando al 79° di Frosinone-Empoli ha scagliato un destro a volo da appena dentro l’area che ha regalato il 3-3 ai toscani. Qualcuno, dalle parti di Roma, dove la sua storia italiana è cominciata, non lo avrà riconosciuto quel ragazzone con i capelli corti e il numero 48 sulle spalle. Quando si è presentato a Trigoria nell’estate del 2014 aveva una folta chioma riccia che lo faceva assomigliare ad un principe ottomano.

Salih Uçan: la scommessa di Sabatini

A portarlo in Italia fu quell’immenso scopritore di talenti che è Walter Sabatini. Un investimento importante: circa 5 milioni di euro solo per il prestito biennale e un riscatto milionario in doppia cifra. A Roma però non sboccia mai, relegato ai margini della rosa sia sotto la gestione Garcia che sotto quella Spalletti. Sorprendente in allenamento ma quasi mai preso in considerazione nel momento di scegliere la formazione. Schiacciato da un modulo, il 4-3-3 che non ne esaltava le caratteristiche, e dalla concorrenza di un centrocampo tutto fisico e dinamismo com’era quello giallorosso dell’epoca con De Rossi, Nainggolan e Strootman. Così al termine della stagione 2015/16 i giallorossi decidono di non esercitare il riscatto e Salih torna in Turchia al Fenerbache, la squadra che lo aveva lanciato nel calcio dei grandi.

Salih Uçan: il ritorno in Tuchia e la chiamata dell’Empoli

A 22 anni la sua carriera sembrava già segnata con il marchio del fallimento, Uçan aveva fallito il salto ed era tornato alla base. Ma anche lì però non trova spazio e dopo una stagione tra alti e bassi decide di trasferirsi in Svizzera al Sion dove trova continuità. La scorsa è forse la sua prima vera stagione da titolare con 19 partite di campionato, 2 gol e 4 assist. Numeri che non convinco il Sion ad acquistarlo ma spingono l’Empoli a bussare alla porta del Fenerbache, ancora proprietario del suo cartellino. Maurizio Corsi, presidente dei toscani, se ne innamora subito. In maniera sibillina, senza mai essere invadente, lo dice spesso ad Andreazzoli che però sa aspettare. Quasi lo nasconde agli occhi di tutti per gettarlo nella mischia quando è pronto, quando la ruggine della preparazione è ormai alle spalle. Il momento giusto è arrivato ieri, 13 minuti dopo il suo ingresso in campo, quando con quel mezzo collo ha infilato il pallone all’angolino. La Serie A per Salih Uçan comincia oggi.