Sicula Leonzio, rigore (annullato) ‘alla Cruyff’. Il presidente: «Siamo degli idioti!»

© foto www.imagephotoagency.it

La Sicula Leonzio calcia un rigore ‘alla Cruyff’: l’arbitro annulla per posizione irregolare. L’ira del presidente Leonardi sui giocatori

C’è un caso che sta facendo discutere in Serie C. Vale a dire il calcio di rigore tirato dai padroni di casa della Sicula Leonzio nel match pareggiato 0-0 contro la Juve Stabia. Un rigore, quello assegnato dall’arbitro alla formazione siciliana al 10’ minuto di gioco, che avrebbe potuto cambiare le sorti della partita. Un calcio di rigore tirato ‘alla Cruyff’, per citare una delle esecuzioni storiche dal dischetto da parte dell’ex genio olandese. Tuttavia, in questo caso, la rete realizzata su rigore è stata annullata.

Al 10’ allo Stadio Massimino di Catania (per indisponibilità dello stadio di Lentini) l’attaccante Bollino si presenta dal dischetto, finta il tiro e appoggia lateralmente per Arcidiacono che mette dentro. L’arbitro convalida, il guardalinee Biava invece segnala un’irregolarità: Arcidiacono era entrato da solo in area di rigore e ciò ha fatto annullare la rete, con conseguente punizione indiretta contro l’attaccante. Un modo inusuale di calciare un rigore che, evidentemente, non sembra esser stato digerito dal presidente Leonardi, furibondo dopo la gara: «Siamo stati degli idioti, non possiamo fare i fenomeni! Se avessimo sbloccato lo 0-0 avremmo vinto con facilità».