Spagna-Marocco 2-2, Mondiali 2018: pagelle e tabellino

Spagna-Marocco, gruppo B Mondiale Russia 2018: cronaca in diretta live con formazioni ufficiali, risultato, pagelle, tabellino e sintesi

La più piccola Spagna da tanti mesi a questa parte. Solo così si può definire la prestazione miserrima offerta contro il Marocco di Renard, che ha davvero gettato il cuore oltre l’ostacolo. Andando anche oltre i suoi evidenti limiti tecnici. La Roja è stata sbadata, presuntuosa, leziosa e disattenta. E’ stata tutto ciò che una nazionale non può permettersi di essere al Mondiale. E così ha rischiato di perdere la partita, se solo il commissario tecnico ad interim Fernando Hierro non avesse dei campioni con la C maiuscola anche in panchina. Ci ha pensato Iago Aspas, con un colpo di tacco favoloso, a salvare capre e cavoli. E solo un buon fattore C ha evitato alla Spagna di beccarsi l’Uruguay agli ottavi di finale, visto che l’Iran è riuscito stoicamente a fermare il Portogallo. Ora c’è la Russia. Ma serve una Spagna diversa, altrimenti Sergio Ramos e compagni saranno ben presto costretti a preparare le valigie e prenotare il volo di ritorno dalla Russia.

Spagna-Marocco 2-2: pagelle e tabellino

MARCATORI: pt 13′ Boutaib, 19′ Isco; st 36′ En-Nasyri, 45′ Iago Aspas.

SPAGNA (4-2-3-1): De Gea 5.5; Carvajal 6.5, Pique 5.5, Ramos 5, Jordi Alba 6; Busquets 6, Thiago Alcantara 5.5 (28′ st Asensio 6); Silva 5.5 (39′ st Rodrigo ng), Iniesta 6, Isco 7; Diego Costa 5 (28′ st Iago Aspas 7). Commissario tecnico: Fernando Hierro 6.

MAROCCO (4-2-3-1): El Kajoui 6.5; Dirar 6.5, Saiss 7, Da Costa 6.5, Hakimi 6; El Ahmadi 5.5, Boussoufa 6.5; Amrabat 6, Belhanda 5.5 (20′ st Fajr 5.5), Ziyech 6 (40′ st Bouhaddouz); Boutaib 7 (26′ st En-Nesyri 7). Commissario tecnico: Hervè Renard 6.5.

ARBITRO: Ravshan Irmatov (UZB) 5.5.

NOTE: ammoniti Amrabat, El Ahmadi, Boussoufa, Da Costa. Recupero pt 2′; st 7′.

SPAGNA –  IL MIGLIORE 

IAGO ASPAS 7 – Il suo non è il tacco di Dio, ma è comunque tanta roba. Entra e consente alla Spagna di evitare lo spauracchio Uruguay. Riserva di lusso, che ora può davvero scalzare l’impalpabile Diego Costa.

SPAGNA – IL PEGGIORE

SERGIO RAMOS 5 – Prima regala il gol del vantaggio a Boutaib, poi si fa uccellare anche in occasione del 2-1: doppia ingenuità colossale.

MAROCCO – IL MIGLIORE

BOUTAIB 7 – Ci mette il cuore, l’anima e anche molto di più. Azzerando persino i limiti del Marocco di fronte alla gigantesca Spagna. Questo pareggio è storia per il Marocco. E lui ne fa parte.

MAROCCO – IL PEGGIORE

BELHANDA 5.5 – Poco ispirato, forse stanco. Non è proprio la sua serata, anche se ci mette tutto se stesso.

Spagna-Marocco: diretta live e sintesi

SINTESI DEL SECONDO TEMPO – La prestazione del secondo tempo della Spagna è stata esattamente all’altezza di quella opaca del primo: troppo leziosa, troppo molle in difesa, troppo distratta sui calci da fermo. E così il Marocco ha seriamente rischiato di mandare gambe all’aria la Roja, che può ringraziare il Portogallo se oggi festeggia la qualificazione agli ottavi di finale di Russia 2018. Il gol di EnNesyri nei minuti finali condanna la selezione di Hierro, che ora deve stare molto attento: agli ottavi c’è la Russia e non l’Uruguay. Ma la Spagna può solo e soltanto ringraziare l’Iran, capace di fermare sull’1-1 il Portogallo.

45′ st – PAREGGIO DELLA SPAGNA – Pareggio della Spagna, che viene annullato dall’arbitro: il gol di tacco di Aspas viene annullato per posizione di fuorigioco. Una spalla al di là della linea dei difensori lo punisce. Ma alla fine, il Var cambia la decisione: gol della Spagna, che strappa un pareggio insperato. Decisione che ha fatto infuriare la panchina del Marocco, con il commissario tecnico Herve Renard scatenato.

40′ st – In questo momento la Spagna deve tenere d’occhio il risultato di Iran-Portogallo, ancora inchiodato sullo 0-1. Se i lusitani dovessero terminare la partita così, le furie rosse si qualificherebbero come secondi del girone B. Ma non è ancora finita…

36′ st – PAZZESCO MAROCCO!!! – La squadra di Renard non muore mai e trova un incredibile gol del vantaggio: EnNesyri stacca di testa, beffando il disattento Sergio Ramos e insaccando all’incrocio dei pali il pallone che sta mettendo paura alla Spagna intera. 2-1, che però non elimina le furie rosse.

32′ st – Binario morto della partita: la Spagna non affonda il colpo, il Marocco non ha più le forze per cercare il gol che potrebbe valere un successo storico. E che rappresenterebbe una straordinaria uscita di scena dal Mondiale in Russia.

24′ st – La Spagna non morde l’osso, anzi. Ha addormentato la partita con un docile possesso palla. Il Marocco adesso sembra aver perso le forze per andare alla ricerca di un clamoroso 2-1. E ora gli iberici tentano di trovare lo spazio per chiudere la pratica. Anche se trova sempre una difesa marocchina pronta e blindatissima, nonostante l’assenza di Mehdi Benatia nell’undici titolare.

20′ st – Esce uno stanchissimo Belhanda, entra Fajr.

16′ st – Spagna vicinissima al 2-1: colpo di testa di Isco, che salta più in alto di tutti, ma il difensore Saiss svetta e sulla linea di porta salva il risultato.

13′ st – Non è tornata in campo una grande Spagna. La squadra di Hierro si rende costantemente pericolosa dalle parti del portiere marocchino, ma non riesce a pungere. Ma ogni volta che il Marocco riparte sono dolori: la difesa della Roja vive in costante apprensione, ma alla fine con un pizzico di fortuna riesce sempre a tirare un sospiro di sollievo. La Spagna, adesso, sarebbe seconda del girone B e andrebbe ad affrontare l’Uruguay di Cavani e Suarez: una vera e propria corazzata, che le Furie Rosse dovranno temere.

9′ st – Pazzesco incrocio dei pali del Marocco con Amrabat, che mette in apprensione il portiere della Spagna De Gea, che resiste.

6′ st – Intanto, nella gara Portogallo-Iran, Cristiano Ronaldo sbaglia il rigore del raddoppio dei lusitani.

5′ st – Hakimi entra in area della Spagna, ma De Gea è molto attento in uscita bassa e sventa la minaccia marocchina.

4′ st – Il sontuoso Andres Inesta ancora nelle vesti di assistman: serve il pallone per Diego Costa, ma l’attaccante dell’Atletico Madrid sfiora soltanto e non riesce a mettere in apprensione la difesa del Marocco.

3′ st – Fallo di mano di Piquè al limite dell’area, ma l’arbitro Irmatov non si accorge del tocco con il braccio del difensore del Barcellona.

1′ st – Ricomincia Spagna-Marocco: si riparte dall’1-1.

SINTESI PRIMO TEMPO – Tanta, ma tanta paura. Quella che la Spagna si è presa al minuto tredici, quando un pasticcio fra Iniesta e Sergio Ramos consente a Boutaib di prendere palla, farsi trenta metri di campo ed insaccare alle spalle del non perfetto De Gea. La Spagna, però rialza subito la testa al cospetto di un buon Marocco. E, al termine di un’azione straordinaria, trova la rete del pareggio con il gioiello del Real Madrid Isco. Primo tempo in grande equilibrio, per merito della truppa di Renard e per la presunzione della Roja, troppo mole soprattutto in fase di impostazione dalla difesa.

47′ pt – Fine primo tempo: Spagna-Marocco 1-1

45′ pt – Fallo da dietro di Amrabat su Busquets: era già ammonito, andava espulso il marocchino, ma Irmatov ha solamente fischiato fallo.

44′ pt – Ottimo primo tempo per il Marocco, sempre e comunque vivo. Intanto il Portogallo passa in vantaggio con l’Iran: in questo momento lusitani primi, spagnoli secondi del girone B.

42′ pt – Pericolo il Marocco con Ziyech, che parte da sinistra, si accentra e calcia alto sopra la traversa di De Gea.

40′ pt – Punizione di Isco al centro, ma la traiettoria disegnata dall’autore del gol del pareggio di SpagnaMarocco viene neutralizzata dalla difesa marocchina: la squadra di Renard non molla.

37′ pt – Ancora un corner per la Spagna, che le prova tutte pur di finire il primo tempo in vantaggio di un gol: Busquets ci prova di testa, ma alza troppo il pallone. Il Marocco può respirare.

35′ pt – Isco finora fondamentale nelle ripartenze palla al piede della Spagna. Le sue permettono gli inserimenti degli esterni Jordi Alba e Carvajal, che si affidano ai loro lampi di genio per sfondare nella metacampo marocchina. Spagna finora poco pungente in area: il portiere Munir non ha dovuto compiere parate degne di nota.

33′ pt – Partita molto nervosa, decisamente poco gradevole: la posta in gioco è molto alta per la Spagna, che riesce solo in parte a domare il Marocco. Qualche amnesia difensiva di troppo però potrebbe essere pagata a caro prezzo: la coppia centrale Ramos-Piquè non sta vivendo una delle migliori serate. Sontuoso finora Andres Iniesta, impalpabile Diego Costa, un ombra nell’area del Marocco.

31′ pt – Marocco molto nervoso, ammonito anche Da Costa.

29′ pt – Ammonito per un fallo rude su Sergio Ramos il marocchino Amrabat.

24′ pt – Altra disavventura della difesa spagnola, altro grande pericolo creato dal Marocco: Boutaib entra in area, si accentra, ma a tu per tu viene ingannato dal portiere del Manchester United, che rimane in piedi fino all’ultimo. Risultato fermo sull’1-1.

23′ pt – Pique lancia lungo e serve splendidamente Iniesta, che si fa venti metri palla al piede, ma alla fine calcia sui difensori.

19′ pt – GOL DELLA SPAGNA – Iniesta-Diego Costa-Isco-Iniesta e di nuovo Isco: azione da rugby per la Spagna, che non fa gol, fa una meta. Gol da cineteca, gara nuovamente in equilibrio.

13′ pt – GOL DEL MAROCCO!! – Clamoroso: pasticcio a centrocampo, con Sergio Ramos (in compartecipazione con Iniesta) che regala un pallone sanguinoso a Boutaib. Il bomber prende palla, si fa trenta metri di campo e davanti al portiere della Spagna De Gea non sbaglia. Ora come ora Spagna e Iran a pari punti, ma la miglior differenza reti premierebbe comunque la Roja.

10′ pt – Silva va sul fondo, mette al centro, ma Iniesta non riesce a colpire il pallone di testa: prime crepe nella difesa del Marocco.

8′ pt – Brutto fallo di Piquè a Boutaib: anche in questo caso l’arbitro non estrae cartellini.

6′ pt – Scintille in campo tra Amrabat e Sergio Ramos, dopo uno scontro tra il capitano spagnolo e il numero 16 del Marocco: l’arbitro però evita di estrarre cartellini gialli.

5′ pt – Gara finora molto contratta: la Spagna tiene il pallino del gioco in mano, il Marocco cerca con grande agonismo di spezzare le iniziative a centrocampo della Roja.

2′ pt – Belhanda ci prova con un cross, ma impreciso: nessun pericolo per la porta di De Gea, oggi chiamato a difendere la porta con ancor più attenzione: ogni gol, fatto o subito, può essere di vitale importanza in chiave differenza reti. 

1′ pt – E’ iniziata Spagna-Marocco: partita decisiva del girone B, soprattutto per la Roja.

Spagna-Marocco: formazioni ufficiali

Spagna-Marocco è una sfida importantissima nell’economia del gruppo B. Soprattutto per la Roja, che non ha ancora blindato a doppia mandata il passaggio del turno. Basta un pareggio contro la selezione di Herve Renard per strappare il pass per gli ottavi di finale dei Mondiali in Russia 2018. Ma Fernando Hierro, nella scelta della formazione iniziale, dimostra di avere le idee estremamente chiare.

QUI SPAGNA – 4-2-3-1 solito per la Spagna, che conferma gran parte dei titolarissimi, senza colpi di scena. Davanti a De Gea, in difesa, giocano il recuperato Carvajal, ma anche i soliti noti Piquè, Sergio Ramos e Jordi Alba. In mezzo al campo le furie rosse si affidano all’estro e all’inventiva dei maestri Thiago Alcantara e Sergi Busquets, mentre davanti, alle spalle di Diego Costa, agiranno David Silva, Iniesta e Isco. Con Iago Aspas pronto a subentrare a gara in corso.

QUI MAROCCO – Qualche novità in casa Marocco, dopo l’uscita di scena con un turno d’anticipo dalla rassegna iridata, che permette al commissario tecnico Renard di sperimentare qualcosina. In porta El Kajoui, difesa con Dirar, Saiss, Da Costa e Hakimi: riposa lo juventino Mehdi Benatia. El Ahmadi e Boussoufa imposteranno il gioco, con Amrabat, Belhanda e Ziyech che dovranno innescare l’unica punta Boutaib. Che sogna lo scherzetto alla Spagna.

SPAGNA (4-2-3-1): De Gea; Carvajal, Pique, Ramos, Jordi Alba; Busquets, Thiago Alcantara; Silva, Iniesta, Isco; Diego Costa. Commissario tecnico: Fernando Hierro.

MAROCCO (4-2-3-1): El Kajoui; Dirar, Saiss, Da Costa, Hakimi; El Ahmadi, Boussoufa; Amrabat, Belhanda, Ziyech; Boutaib. Commissario tecnico: Hervè Renard.

Spagna-Marocco: probabili formazioni e pre-partita

Alla Spagna basta una vittoria per centrare gli ottavi di finale. E contro un Marocco già eliminato non dovrebbe essere un’impresa difficile. Nell’ultimo turno, gli spagnoli hanno battuto l’Iran per 1-0 grazie a una rete del solito Diego Costa, in formissima: l’attaccante ha segnato 9 reti nelle ultime 9 gare con la Nazionale (3 in questo Mondiale tra l’altro). Capocanniniere e bomber ritrovato, ora nel mirino c’è il Marocco di Renard, una squadra che ormai non ha più nulla da chiedere (eliminata dopo aver perso con Iran e Portogallo).

QUI SPAGNA – I gol di Diego Costa per gli ottavi di finale. Poi il solito genio di Iniesta, le geometrie di Isco e l’imprevedibilità di David Silva. I fedelissimi insomma. Hierro si affiderà agli uomini migliori, inserendo anche Lucas Vazquez per offrire un po’ più di vitalità sulla trequarti. Formazione confermata poi: De Gea tra i pali, Carvajal, Piqué, Ramos e Alba nel terzetto difensivo. Busquets come diga davanti la difesa. Tre punti d’obbligo per la Roja.

QUI MAROCCO – Ormai non ha più nulla da giocarsi, è rimasto solo l’orgoglio. E magari chissà, proprio per questo motivo i ragazzi di Renard potrebbero tirare uno sgambetto alla Spagna di Hierro. Improbabile, ma non impossibile. Dopo aver perso due partite per 1-0, pur giocando un buon calcio, il Marocco si ritrova fuori. Contro la Roja, però, giocheranno comunque gli uomini migliori, almeno dall’inizio. Spazio a Ziyech (in orbita Roma), Boussoufa, Belhanda (numero 10, il più talentuoso tra i suoi) e Amrabat sulla corsia di destra. Si gioca per l’orgoglio, magari per un punto storico che potrebbe almeno risollevare il morale.

PROBABILE FORMAZIONE SPAGNA: (4-2-3-1): De Gea; Carvajal, Piqué, Sergio Ramos, Jordi Alba; Busquets, Iniesta; Vazquez, Isco, David Silva; Diego Costa. CT: Hierro.

PROBABILE FORMAZIONE MAROCCO (4-2-3-1): El Kajoui; Hakimi, Benatia, Saiss, Harit; El Ahmadi, Belhanda; Boussoufa, Ziyech, N. Amrabat; El Kaabi. CT: Renard

Fernando Hierro, alla vigilia della sfida contro il Marocco valevole per il terzo turno del girone B, ha parlato della Spagna. In particolare affrontando il tema dei singoli. E, pungolato su De Gea, ha spiegato: «Ha molta personalità. Non cambia il suo carattere ciò che succede, sia che sbaglia contro il Portogallo sia che para due rigori, ha quella tranquillità e questo lo aiuta molto. Diego Costa? Essere il nove della Nazionale non è facile, sta facendo un lavoro straordinario».

Spagna-Marocco: i precedenti del match

Sono solo due i precedenti tra le squadre, e risalgono all’andata al ritorno playoff qualificazione per la  Coppa del Mondo del 1962, giocata in Cile. La Spagna vinse sia fuori casa (1-0), che tra le mura amiche (3-2), qualificandosi così per il Mondiale.

Spagna-Marocco: l’arbitro del match

La delicata sfida tra Spagna e Marocco sarà arbitrata dal fischietto uzbeko Ravshan Irmatov. A supporto, i guardalinee Rasulov – Saidov. Quarto uomo Abdulla mentre al VAR ci sarà Zwayer con A.VAR  Dankert – Borsch – Makkelie.

Spagna-Marocco Streaming: dove vederla in tv

Spagna-Marocco sarà trasmessa a partire dalle ore 20 in diretta in chiaro sulle frequenze satellitari di Italia 1 (anche in HD). Non è tutto, perché la partita sarà visibile anche in streaming per pc, smartphone e tablet su tutti i device iOs, Android e Windows Mobile tramite app Premium Play.


Leggi anche: MONDIALI RUSSIA 2018: CALENDARIO E PROGRAMMAZIONE