Tavecchio non si dimette, ma spunta Sibilia: attenzione alle elezioni

vertice figc tavecchio ventura
© foto www.imagephotoagency.it

Tavecchio non si dimette, il presidente della FIGC ha un programma per l’Italia. Il flop della Nazionale porta mugugni, c’è chi vuole Sibilia al vertice ma il momento politico non aiuta

Carlo Tavecchio non si dimette, nonostante sia palese che l’Italia del calcio abbia appena scritto la peggior pagina della sua storia. Il presidente della FIGC rimane seduto sulla sua poltrona, anzi, raddoppia: ha in mente un progetto tecnico per cercare di tirare su la Nazionale negli anni a venire. Oggi ci sarà un incontro con tutte le componenti (tra le quali lui stesso, commissario della Lega di Serie A) e si studierà un pianto anticrisi. Attenzione, però alle mosse del fronte contrario al presidente della FIGC.

In molti sono per la conferma di Tavecchio, ma spunta l’ipotesi Cosimo Sibilia. Non è il momento più propizio per spodestare l’attuale vertice federale, ma Sibilia potrebbe provarci: capo della LND, è una figura che piace molto al CONI e al presidente Giovanni Malagò. C’è di mezzo la politica, però. A marzo si delineerà il futuro dell’Italia, ma non della Nazionale. Le elezioni diranno molto anche su cosa potrà succedere nella FIGC, probabilmente ci sarà ancora da aspettare qualche mese. Tavecchio non si dimette, è poco ma sicuro.