Under 21, Ferrara: “Il gruppo è definito”

© foto www.imagephotoagency.it

“Il gruppo è questo, potranno esserci degli inserimenti in seguito, ma direi che è abbastanza definito anche se mi auguro che il campionato possa darmi ulteriori indicazioni”. Ciro Ferrara, ct dell’Under21 azzurra, ha le idee molto chiare alla vigilia dell’amichevole contro la Svizzera, l’ultima prima delle qualificazioni europee. “Abbiamo giocatori sia di qualità  che di quantità  in tutti i reparti di gioco, il problema principale resta la speranza che loro possano avere continuità  nei rispettivi club per arrivare preparati in nazionale e confrontarsi con ragazzi che molto spesso giocano titolari, un fattore che sul campo fa la differenza”. L’Under 21 torna in campo a due mesi dall’appuntamento del toreno di Tolone, dove l’Italia ha conquistatò il terzo posto nella finale contro il Messico. Da quel podio riparte Ferrara, soprattutto dalla risposte ricevute dalla squadra durante il torneo: “Tolone – ammette il ct nella conferenza della vigilia – mi ha consentito di lavorare per dodici giorni consecutivi con i ragazzi, cosa che ha contribuito ad aumentare la conoscenza tra noi e ci ha aiutato ad acquisire consapevolezza, autostima anche grazie ai risultati raggiunti fino ad ora. Stare insieme ci ha agevolato, ci ha reso ancora più compatti. Contro la Svizzera – sottolinea Ferrara – mi aspetto dei passi in avanti, i ragazzi hanno fatto grossi miglioramenti, i risultati e il gioco espresso lo hanno dimostrato, ma soprattutto abbiamo avuto, nella sfortuna di non esserci qualificati per la fase finale dell’Europeo disputato a giugno in Danimarca, la fortuna di poter lavorare con anticipo all’appuntamento del 6 settembre contro l’Ungheria. Abbiamo disputato amichevoli importanti e a Tolone abbiamo avuto anche l’opportunità  di confrontarci con squadre sudamericane e africane, culturalmente diverse da noi – ha continuato Ferrara – Sono stati test molto impegnativi che hanno messo a dura prova i ragazzi, in cambio ho ricevuto risposte importanti. Domani mi aspetto impegno, dedizione, serietà , comportamenti giusti e gioco”.

Fonte: Repubblica.it