18^ giornata Serie A: il Cagliari sorride, solo pari per Palermo e Samp

18^ giornata Serie A: il Cagliari sorride, solo pari per Palermo e Samp
© foto www.imagephotoagency.it

18^ giornata Serie A: questa sera si è concluso ufficialmente l’anno solare del massimo campionato nazionale

In attesa della sfida di Supercoppa italiana tra Juventus e Milan, le altre si danno battaglia per conquistare gli ultimi punti in palio in questo 2016. L’hashtag “18^ giornata Serie A” fa compagnia al tweet vincente del Cagliari e agli “x” emersi nei match di Palermo e Genova.

18^ giornata Serie A: Cagliari – Sassuolo

Si sono divertiti eccome gli spettatori presenti al Sant’Elia: il match tra rossoblu e neroverdi è terminato 4 – 3 a favore dei padroni di casa. Marco Sau apre le danze al minuto 14, ma il Sassuolo prende le distanze realizzando ben 3 reti: Adjapong, Pellegrini e Acerbi, su rigore, illudono Eusebio Di Francesco. Quest’ultimo non ha fatto i conti con la fame di gol di Marco Borriello, di precisione nell’angolino sinistro, e Farias, autore di due marcature nell’arco di 2 minuti. Da sottolineare come gli ospiti abbiano disputato ben 56 minuti di gioco in inferiorità numerica, a causa del rosso rimediato da Pellegrini.

18^ giornata Serie A: Palermo – Pescara

Sfida tra team sull’orlo della crisi quella andata in scena al Renzo Barbera. I rosanero di Eugenio Corini sfiorano la seconda vittoria di seguito con la marcatura di Robin Quaison: passaggio smarcante di Alessandro Diamanti per lo svedese che, a giro, insacca alle spalle di Bizzarri. All’89esimo il Delfino trova il gol con Michele Fornasier, ma l’arbitro Massa annulla per un fuorigioco che, in realtà, non c’è. Ma si rifà al minuto 92, quando Gonzalez interviene in maniera scellerata in area e regala il rigore agli abruzzesi. Biraghi batte Posavec dagli 11 metri, per il pareggio finale.

18^ giornata Serie A: Sampdoria – Udinese

Non vince nessuno al Ferraris, Sampdoria e Udinese chiudono il loro 2016 con uno 0 – 0. Tante le occasioni da gol create dalle due compagini, rispettivamente 14 e 9, ma entrambe difettano in termini di precisione. Da evidenziare come siano stati i blucerchiati ad andare maggiormente vicino alla vittoria, con Fabio Quagliarella e Patrick Schick. L’ex bianconero, appunto, mette alla prova i riflessi di Karnezis con un bel colpo di testa mentre il giovane ceco, dal limite, sfiora il palo.