Boateng fa mea culpa: «A Firenze potevo fare meglio»

Iscriviti
Boateng Fiorentina
© foto www.imagephotoagency.it

Kevin Prince Boateng ha parlato ai microfoni di Sky Sport dell’esperienza avuta in Italia tra Sassuolo e Fiorentina. Le sue parole

Kevin Prince Boateng è intervenuto a Casa Sky Sport parlando dell’esperienza avuta in Italia con le maglie di Fiorentina e Sassuolo. Le sue parole.

BARCELLONA – «Non mi sono pentito di essere andato via dal Sassuolo per Il Barcellona, anche se forse non è stato il trasferimento perfetto. Avrei voluto giocare di più al Barcellona, ma quando smetto posso dire di aver giocato titolare al Camp Nou.

FIORENTINA – «Sono arrivato a Firenze con tanta voglia ma non sono riuscito a esprimermi al massimo. Ho aiutato Chiesa, Castrovilli, Vlahovic e gli altri giovani a migliorare, gli ho trasmesso la mia esperienza».

GOL PIÙ BELLO – «Quello a San Siro contro il Barcellona con la maglia del Milan, che è la squadra che ricordo con più affetto. Anche a Firenze ho sentito tanto affetto».

PARTITA PIÙ PAZZA – «Lecce-Milan: la settimana prima mi avevano detto che non ero professionale. Mi misero in panchina, ero molto arrabbiato. Perdevamo 3-0. Prima di entrare, nel riscaldamento Aquilani mi disse “Ci serve un miracolo” e io risposi “tranquillo faccio io” e vincemmo 4-3».

MESSI O IBRA – «Sono due fenomeni. Contento di aver giocato con tutti e due».