Bolt in Nazionale? La Giamaica ci pensa: «Lo stiamo monitorando»

Bolt in Nazionale? La Giamaica ci pensa: «Lo stiamo monitorando»
© foto www.imagephotoagency.it

In attesa di trovare una squadra di club, Usain Bolt sogna l’approdo in Nazionale, c’è l’apertura della Giamaica: «Attirerebbe molti tifosi».

Usain Bolt in un futuro prossimo nella Nazionale giamaicana di calcio? Perché no. La Federcalcio dell’isola caraibica, la Jamaica Football Federation, per bocca del suo presidente, Michael Ricketts, ha aperto ufficialmente alla convocazione dell’ex velocista in un’intervista ai microfoni di “ESPN”. «Stiamo monitorando i suoi progressi – ha rivelato – e se dimostrerà di essere abbastanza bravo allora verrà convocato. Chiaramente sarà l’allenatore a prendere una decisione, ma a noi piacerebbe vederlo in una partita ufficiale».

«Siamo un po’ delusi – ha ammesso tuttavia Ricketss – perché non è venuto a giocare qui con una squadra giamaicana. Questo ci avrebbe permesso di osservarlo più da vicino». L’eventuale presenza di Bolt nella giamaica rappresenterebbe tuttavia uno straordinario fenomeno mediatico per la Nazionale giamaicana: «Coltiviamo la speranza che possa giocare in Nazionale – ha dichiarato Ricketts – perché attirerebbe molti tifosi e tante persone verrebbero a vedere le nostre partite».

Bolt, dopo aver rifiutato una proposta del Valletta FC, spera sempre di poter essere ingaggiato dagli australiani del Central Coast Mariners, con cui si è allenato nelle scorse settimane e ha anche segnato una doppietta in amichevole. Per Ricketts il primatista del mondo dei 100 e dei 200 metri piani ha tutti i mezzi per sfondare anche nel calcio: «Lui ha una velocità speciale – ha sottolineato il presidente della Federcalcio dell’isola caraibica – e con po’ di abilità e talento potrebbe entrare a far parte della squadra giamaicana. I giocatori sarebbero felici di accoglierlo, ho già parlato con alcuni di loro».

Presto, dunque, il sogno di vedere Bolt dalle piste di atletica alla Nazionale giamaicana di calcio potrebbe avversarsi e l’occasione favorevole potrebbe essere la Gold Cup 2019, in programma dal 15 giugno al 7 luglio del prossimo anno. «Se riuscirà in questo passaggio da velocista a giocatore, certamente lo convocheremo. – ha assicurato Ricketts – Ora stiamo giocando la Nations League, ma poi ci sarà la Gold Cup. Speriamo prima di allora di poterlo vedere in campo, in modo da prendere una decisione a riguardo». 

BABBEL: «BOLT? NON SARÀ MAI UN CALCIATORE»