Connettiti con noi

Calciomercato

Calciomercato Milan: ciao Calhanoglu, assalto a De Paul con la carta Hauge

Pubblicato

su

De Paul

Calciomercato Milan: il club rossonero ha messo nel mirino Rodrigo De Paul. Sarà lui il sostituto di Hakan Calhanoglu

Il Milan è alle prese con la grana Hakan Calhanoglu. Dal turco non arrivano segnali di rinnovo e l’addio sembra ormai scritto. L’esperienza di Donnarumma è emblematica. La dirigenza di via Aldo Rossi non intende varcare la soglia dei 4 milioni e, in assenza di segnali dall’entourage di Hakan, si prepara a cambiare strada.

Come riporta La Gazzetta dello Sport, nel mirino del Diavolo è finito Rodrigo De Paul. Nelle ultime ore si è parlato di un’offensiva dell’Atletico Madrid per l’argentino ma i Colchoneros sono lontani dalle richieste (40 milioni) dell’Udinese per il suo capitano. Il Milan si sente in grado, quindi, di poter vincere la concorrenza usando la carta Jens Petter Hauge.

Il norvegese rappresenterebbe una contropartita gradita per far scendere i costi dell’acquisto di De Paul. Si parte da una valutazione di 15 milioni di euro, ma è chiaro che tutto dipende dalle trattative vere e proprie per il possibile scambio. Ad esempio, il calciatore potrebbe tornare più utile al Watford (sempre di proprietà dei Pozzo), appena promosso in Premier League. Di sicuro questa soluzione sarebbe gradita all’Under 21 norvegese (per il quale ci sono già stati dei sondaggi da altre società inglesi), magari con un’operazione-ponte: cessione diretta al club friulano e prestito ai cugini del Watford. In quest’ottica, grosso modo, all’Udinese toccherebbe un gruzzolo tra i 20 e i 25 milioni. A loro volta, i rossoneri centrerebbero una significativa plusvalenza considerato che Hauge è arrivato a settembre per appena 4 milioni.

A casa Milan si segnalano buone sensazioni su questo fronte, pur tenendo nel debito conto le difficoltà legate all’acquisizione di un giocatore nel pieno della sua carriera e a caccia del contratto che sancisca il suo definitivo salto di qualità. Il Milan da questo punto di vista rappresenta un punto d’arrivo e, in questo mercato povero di risorse economiche, non è un argomento da sottovalutare.

Advertisement