Croazia, Dalic elogia la A: «Campionato importante per noi»

© foto www.imagephotoagency.it

La Croazia dovrà centrare i Mondiali tramite i play-off, ma il neo-ct Dalic è fiducioso: «Mandzukic? È un guerriero»

Agli spareggi, nonostante un gruppo talentuoso e possibilità infinite. Dopo la brutta performance di Brasile 2014 e l’incredibile eliminazione con il Portogallo a Euro 2016 (che a quel momento sembrava tutt’altro che destinato alla vittoria finale), la Croazia dovrà guadagnarsi il Mondiale di Russia con i play-off. A cui sarà testa di serie, ma con loro non si sa mai. Ne è consapevole anche Zlatko Dalic, nuovo ct dopo l’esonero di Ante Cacic in seguito al pareggio interno con la Finlandia, quello che di fatto ha regalato il primo posto nel girone all’Islanda, poi qualificata. Dalic sa il valore della squadra e soprattutto di Mandzukic: «Ha voluto giocare in Ucraina, anche se lui vuole giocare sempre, che si tratti di club o nazionale. Dà tutto sé stesso, altri probabilmente non sarebbero scesi in campo. Ha uno spirito da guerriero ed è super professionale».

INSIDIE E RIMPIANTI – Ai microfoni di “Tuttosport”, Dalic ha anche rassicurato Allegri sulle condizioni del 17 bianconero: «Ho vissuto una situazione difficile nell’ultima settimana: la più dura della mia carriera. Se mi verrà prolungato l’incarico, allora parlerò anche con Allegri e gli altri allenatori che gestiscono i miei giocatori». Tra questi, potrebbe esserci anche Marko Pjaca, in regime di rilancio dopo un lungo infortunio: «Credo molto in lui: il suo infortunio è stato una perdita tanto per la Juventus quanto per noi. Spero che rientri il prima possibile». Ci si chiede se Dalic sarà a San Siro per osservare Perisic e Brozovic nel derby: «No, li seguirò in televisione. Il campionato italiano è importantissimo per noi: un terzo dei nostri giocatore è da voi…».